rotate-mobile

Camera di commercio, un milione nel 2023 per digitale, promozione ed estero

Presentato il preventivo economico degli interventi economici per l'anno in corso. Rilanciato il bando digitalizzazione con 800mila euro, 250mila euro per le comunità energetiche, 580mila euro per la partecipazioni alle principali fiere internazionali. Lanciata una nuova piattaforma per velocizzare l'ottenimento di documenti, lo sportello virtuale e SiBonus

Chiusa definitivamente, lo scorso anno, la causa con Fondazione Cassamarca (con una transazione di 2,7 milioni di euro) per il mancato approdo all'Appiani e vinta la battaglia in sede di corte costituzionale per poter utilizzare quasi 6 milioni di fondi accantonati per le regole di contenimento della spesa, la Camera di Commercio di Treviso ha presentato oggi, martedì 31 gennaio, il preventivo economico in vista del 2023 che vede principalmente tre linee guida cardinali: digitalizzazione, promozione e internazionalizzazione.

Le principali novità sono state illustrate in mattinata dal presidente della Camera di commercio di Treviso e Belluno, Mario Pozza e dal segretario generale Romano Tiozzo. Il bilancio preventivo vede entrate e uscite pari a 21 milioni 690mila euro. Per le iniziative promozionali previsto uno stanziamento di 1,47 milioni di contributi associativi e 5,977 milioni di interventi economici (un milione in più rispetto allo scorso anno), 1,2 milioni circa per transizione digitale ed ecologica, 144mila euro per la digitalizzazione dei servizi, 536mila euro per la transizione ecologica, 981mila per l'internazionalizzazione, 2,168 milioni per la formazione al lavoro, 70mila euro per il governo del territorio, 696mila euro per il turismo, 62mila euro per la tutela del mercato e 20mila euro in comunicazione.

Tra le iniziative programmate per il 2023: 250mila euro per le comunità energetiche, 800mila euro per il bando digitalizzazione, 800mila euro per il bando collaborazioni con il sistema associativo, 580mila euro per la partecipazione alle principali fiere internazionali con veniceexport, 50mila euro per il progetto Generazione 2026 in preparazione delle Olimpiadi di Milano e Cortina, 2,5 milioni accantonati per investimenti su progetti per tecnologie green. A queste iniziative si aggiunge il potenziamento della piattaforma Suap (Sportello Unico Attività Produttive) che permette alle imprese di velocizzare enormemente le procedure per ottenere pratiche (e a cui però aderiscono tutti i comuni bellunesi e solo metà dei trevigiani), la sperimentazione dello sportello virtuale (in Italia scelte la Marca e la provincia di Cosenza) e il progetto acquisizione di crediti con la piattaforma SiBonus.

Video popolari

TrevisoToday è in caricamento