menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione

La presentazione

Riforma della prescrizione: «Imputati o parti offese per sempre»

Secondo i dati della Camera penale di Treviso il 50% dei processi che arrivano dal tribunale trevigiano alla corte di Appello di Venezia finiscono in prescrizione durante la celebrazione del seconda grado di giudizio

E' stata pressoché totale l'adesione degli avvocati trevigiani alla settimana di astensione proclamata dalle Camere Penali, e che si conclude oggi, venerdì, per protestare contro la riforma  della prescrizione destinata, se non ci saranno cambiamenti negli orientamenti del Governo, a entrare in vigore a partite dall'inizio del 2020. Una nuova normativa che prevede di fatto la cancellazione dei termini dell'attuale prescrizione.

«Così -ha spiegato il presidente della Camera penale di Treviso, l'avvocato Federico Vianelli- i trevigiani che avranno in futuro a che fare con la giustizia saranno intrappolati in un processo eterno perché oggi è proprio il rischio della prescrizione che accelera procedimenti che non accumulano ritardi durante il dibattimento ma semmai nella fase delle indagini preliminari. Trevigiani insomma attesi da un destino che li vedrà imputati per sempre, ma anche parti offese per sempre».

Per la Camera penale trevigiana, che oggi, venerdì 6 dicembre, ha tenuto una conferenza stampa per illustrare le proprie posizioni, l'eliminazione della prescrizione: «E' una pessima riforma, che ascolta la pancia e non inciderà sul nodo giustizia. Anzi le cose peggioreranno». Secondo i dati forniti oggi il 50% dei processi che arrivano dal tribunale trevigiano alla corte di Appello di Venezia  finiscono in prescrizione durante la celebrazione del seconda grado di giudizio. «Ma si tratta -ha puntualizzato Vianelli- dei reati meno gravi perché invece nelle fattispecie più serie i tempi di prescrizione sono molto lunghi se non proprio assenti. La vera riforma dovrebbe prevedere un aumento degli organici dei magistrati per consentire uno svolgimento più rapido della fase dell'indagine e soprattutto una depenalizzazioni di molte delle fattispecie minori che oggi invece intasano le Procure».

WhatsApp Image 2019-12-06 at 15.15.56-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Attualità

Decreto riaperture, la bozza: «Il coprifuoco resta alle 22»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento