Negativo il 99,70% di ospiti e operatori delle strutture per anziani della Marca

I risultati dei tamponi effettuati su 11.538 persone presentati all’Osservatorio provinciale. Il calo, rispetto ai test somministrati a fine aprile, è del 94,5%

Gli anziani hanno subito pesantemente la pandemia

Si è riunito giovedì 28 maggio l’Osservatorio provinciale sulle Strutture residenziali per anziani, per fare il punto sulla diffusione del Covid 19 nelle Rsa. Nel corso dell’incontro sono stati presentati i dati relativi ai tamponi effettuati, aggiornati a ieri, su tutti gli ospiti e operatori delle 54 strutture dell’Ulss 2: su un totale di 11.538 persone sottoposte a test, 5794 dei quali ospiti e 5.744 operatori, i negativi sono stati 11.484, pari al 99,70%. Solo 25 i positivi,  15 ospiti e 10 operatori, pari allo 0,21%.

Da sottolineare come dal 21 aprile al 28 maggio il decremento registrato sia stato notevolissimo, pari al 94,5%. Le strutture residenziali in cui sono presenti ancora alcuni sporadici casi di Covid sono  quattro. «I risultati ottenuti sono decisamente positivi – ha commentato George Louis Del Re, direttore dei Servizi Socio Sanitari dell’Ulss 2 -. Credo sia doveroso sottolineare come questi esiti siano legati, oltre che all’andamento generale della pandemia che registra un deciso calo nei contagi, anche all’elevata qualità degli interventi che i Centri di servizi, affiancati dall’Azienda Sanitaria, hanno messo in atto, dopo la prima difficile fase, per contenere e superare l’emergenza coronavirus. In particolare sono stati applicati in modo assolutamente ottimale i protocolli e le disposizioni regionali, relativi a isolamento, distanziamento, uso dei dispositivi, accessi, etc».

I dati illustrati ieri al tavolo dell’Osservatorio provinciale si riferiscono alla seconda tornata di test nelle Case di riposo, tornata nel corso della quale sono stati sottoposti a tampone tutti gli operatori e tutti gli ospiti. «La situazione nelle Strutture residenziali – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi – sta tornando pian piano alla normalità. La Regione ha fornito le Linee Guida  per la ripresa delle visite dei familiari e degli accessi: le Rsa si stanno organizzando per garantire entrambe, in condizioni di massima sicurezza».

«Desidero ringraziare -ha commentato il Presidente della Conferenza dei Sindaci Paola Roma, anche a nome delle colleghe Lisa Tomasella e Annalisa Rampin, Presidenti dei Comitati Sindaci dei Distretti Pieve di Soligo e Asolo- la task force messa in campo dall’Azienda Sanitaria per essere riuscita in tempi veloci ad attivare uno screening di massa sottoponendo più di 11.000 persone delle R.S.A. al test del tampone. I risultati  dei tamponi sono sicuramente dettati dal corretto utilizzo dei protocolli attivati all’interno dei Centri Servizi per Anziani: per questo desidero ringraziare le direzioni,  gli operatori socio sanitari e tutto il personale delle varie strutture del territorio. Costruttivo è stato, infine, il rapporto di collaborazione con le Organizzazioni sindacali con le quali da tempo è stato attivato un confronto diretto (focus assistenza domiciliare) propedeutico alla stesura dei Piani di Zona».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento