rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità Centro / Piazza Vittoria

Giornata dell'Unità nazionale e delle forze armate: le celebrazioni nella Marca

Da Treviso a Conegliano, passando per i Comuni più piccoli della provincia sono state tantissime le celebrazioni istituzionali per il 4 novembre in provincia di Treviso unite al centenario del Milite ignoto

Giornata dell'Unità nazionale e delle forze armate nel ricordo dei caduti di tutte le guerre a Treviso. Una cerimonia sentita, quella di giovedì 4 novembre in Piazza Vittoria, pochi giorni dopo il Centenario degli Alpini di Treviso. Il sindaco Mario Conte, il Prefetto Maria Rosaria Laganà e il presidente della Provincia, Stefano Marcon, hanno onorato la ricorrenza partecipando all'alzabandiera e alla deposizione delle corone d'alloro. «Abbiamo festeggiato le truppe di montagna, gli Alpini, ma a loro si sono uniti carabinieri, polizia, Guardia di finanza e polizia locale - commenta il primo cittadino - Le forze armate svolgono quotidianamente un compito che va oltre alla tutela dell’ordine pubblico e la difesa. In un momento particolarmente delicato dal punto di vista sociale, stanno dimostrando come l’esempio di migliaia di uomini e di donne possa garantire protezione, organizzazione, sicurezza e salute. Le forze armate e di polizia ci hanno aiutato a superare l’angoscia delle restrizioni e ad affrontare il lungo processo di ripresa. A loro va il nostro più sentito ringraziamento».

Casier

Il Comune di Casier questa mattina ha celebrato la solennità civile del 4 Novembre, 103mo anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale e la commemorazione del Centenario del Milite Ignoto (4 Novembre 1921 - 4 Novembre 2021), in onore dei Caduti di tutte le Guerre per la Pace, la Libertà, il Progresso e l’Unità della Nazione. Due i momenti significativi, il primo a Casier e il secondo a Dosson, dov’è stata svelata la targa commemorativa dedicata al Milite Ignoto, cui la Giunta ha conferito la cittadinanza onoraria lo scorso 17 giugno. La targa è stata posta alla base del monumento ai Caduti che si trova sul sagrato della chiesa parrocchiale di San Vigilio a Dosson, dedicata ai casieresi che hanno perso la vita in difesa della patria.

3 (5)-2-3

«Questo è un giorno speciale e importante - il commento del sindaco Renzo Carraretto - onorare i nostri caduti, affinché la memoria del loro eroismo si tramandi anche e soprattutto alle giovani generazioni, è fondamentale. Quest’anno poi ricorre il centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto e del suo viaggio da Aquileia fino alla tumulazione nell’Altare della Patria. Un giorno che dobbiamo tutti celebrare con riconoscenza e devozione nel ricordo dei  650mila Caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Alle due commemorazioni di Casier e Dosson hanno partecipato anche i bambini delle scuole del territorio. Un momento di educazione civica importante, che mi rende fiero della sensibilità e partecipazione dei nostri giovani cittadini di domani».

Conegliano

4-novembre-conegliano-2

Dopo la vittoria alle ultime elezioni comunali il sindaco Fabio Chies è tornato a presenziare alla cerimonia per il 4 novembre in qualità di sindaco della città. Quest'anno le celebrazioni si sono unite al centenario del Milite Ignoto, un simbolo che richiama la memoria e un patrimonio di valori. «Il 4 Novembre anche se ora lavorativo, è una festa, la fine della Prima Guerra Mondiale, dove non possono mancare riflessioni sulla nostra comunità» il commento del primo cittadino.

Mogliano Veneto

Mogliano ha celebrato la commemorazione del 4 novembre insieme a tutte le associazioni combattentistiche e d’arma. Tantissima la gente in piazza, assieme a una delegazione di studenti in rappresentanza dell’Istituto Astori e del Liceo Giuseppe Berto e agli alunni delle scuole primarie Piranesi. Il sindaco Davide Bortolato ha svelato l’insegna che intitola al Milite Ignoto il giardino delle ex scuole Rossi sul Terraglio, che in futuro sarà abbellito e attrezzato con panchine, aiuole e alberature. Il giardino sorge dove si è aperto un bellissimo angolo verde di Mogliano in seguito alla demolizione di un edificio obsoleto.

4 novembre 2021-2

«Una bella giornata alla presenza di tanti cittadini e di tutte le associazioni combattentistiche e d’arma - ha detto il sindaco - Aver dedicato un giardino al Milite ignoto è significativo, perché è un luogo dove ci si può fermare a meditare. A distanza di cento anni, il Ministero della Difesa si è reso protagonista di una meritoria iniziativa: organizzare il "Treno della memoria". Il 29 ottobre il Tricolore che 100 anni fa, avvolse la bara del Milite Ignoto è partito dalla stazione di Cervignano Aquileia a bordo di un treno storico, trainato da una locomotiva a vapore. Grande è stata l'emozione dei tanti moglianesi presenti venerdì scorso, in stazione, nel veder passare il “Treno della memoria” in transito verso Roma dove è arrivato il 2 novembre, accolto dal Presidente della Repubblica. Celebrazioni che culminano oggi, 4 novembre, con la cerimonia solenne all’Altare della Patria. Ma anche Mogliano ha voluto onorare degnamente il centenario della sepoltura di quello che è il simbolo di tutti i caduti per la patria: il 31 marzo scorso infatti il consiglio comunale unanime ha conferito la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. Abbiamo poi deciso di intitolare un luogo significativo della nostra città, il giardino delle ex scuole sul Terraglio, a imperitura memoria del Milite Ignoto. È giusto non dimenticare, e che i giovani sappiano che la nostra storia è stata costruita anche con la morte di quei tantissimi soldati rimasti senza nome. Cento anni dopo, il sacrificio del Milite Ignoto ha conservato il senso storico ed è il simbolo del valore di tutti coloro che, in ogni tempo, in ogni occasione e spesso in silenzio, si sono sacrificati per la loro Patria». 

Oderzo

4-novembre-oderzo-2

Festa dell'Unita d’Italia e delle forze armate anche ad Oderzo dove il sindaco Maria Scardellato ha ricordato la sepoltura del Milite ignoto nell’Altare della Patria di Roma avvenuta esattamente 100 anni fa, rendendo onore ai caduti di tutte le guerre con una cerimonia in centro città.

Ponte di Piave

4-novembre-ponte-di-piave-2

A Ponte di Piave cerimonia del 4 novembre con gli alunni della scuola secondaria di primo grado che hanno partecipato alla cerimonia dell'alzabandiera con il sindaco Paola Roma. Domenica 7 novembre la commemorazione ufficiale con la partecipazione della Banda Ponte di Piave-Salgareda.

Villorba

4-novembre-villorba-2

Prima festa del 4 novembre da sindaco per Francesco Soligo: «Oggi vogliamo ricordare proprio quel 4 novembre 1921 e rammentare a tutta la comunità che già lo scorso 3 giugno, in attesa di questo momento celebrativo, il consiglio comunale di Villorba aveva conferito la cittadinanza onoraria al Milite ignoto, medaglia d’oro al valor militare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata dell'Unità nazionale e delle forze armate: le celebrazioni nella Marca

TrevisoToday è in caricamento