Dpcm, Irone (Cgil): «Stop anche ai tanti parchi commerciali della Marca»

Il sindacato pronto a interpellare la Prefettura di Treviso e a mobilitare i lavoratori

Un centro commerciale

«Sono di più i parchi che i centri commerciali in provincia di Treviso, per tutelare la salute dei trevigiani e dei lavoratori e non penalizzare solo alcune realtà è doveroso e responsabile che il nuovo DPCM sia interpretato in senso restrittivo e si stabilisca la chiusura nei prefestivi e festivi per tutti”. Questa la posizione espressa dal segretario generale della FILCAMS CGIL provinciale Alberto Irone, penna alla mano per scrivere al prefetto di Treviso Maria Rosaria Laganà.

«Serpeggia in queste ore la preoccupazione tra i lavoratori dei negozi situati all’interno dei parchi commerciali, realtà che nella nostra provincia si contano in un numero decisamente superiore rispetto ai grandi centri commerciali. La differenza sta solo nella struttura fisica – spiega il segretario generale della FILCAMS CGIL – ma i parchi commerciali spesso vedono concentrati molti più esercizi, e dunque più persone, rispetto ai centri commerciali esistenti nella Marca».

«Serve un sacrificio comune e grande senso di responsabilità da parte di tutti – ribadisce Alberto Irone –, per garantire la salute di tutti, consumatori e lavoratori trevigiani, e senza penalizzare nessuno più di altri. Per questo il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri va interpretato in maniera restrittiva e per questo ci rivolgeremo alla Prefettura di Treviso. Come Sindacato siamo altresì pronti a coinvolgere i lavoratori in forme di protesta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento