Inaugurato al Ca' Foncello di Treviso il nuovo centro incontinenze e stomie

L’incontinenza è una patologia in grado di compromettere severamente la qualità di vita di chi ne è affetto, condizionandone la sfera familiare, relazionale e lavorativa. Al taglio del nastro il governatore Zaia e il sindaco Conte

Il taglio del nastro al Ca' Foncello

Inaugurato oggi, lunedì, dal Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, il nuovo Centro incontinenze e stomie. All’evento erano presenti anche l’assessore regionale alla sanità e ai servizi sociali, Manuela Lanzarin, il presidente della provincia, Stefano Marcon, il sindaco di Treviso, Mario Conte e numerosi altri amministratori dei comuni del Distretto Treviso. Collocato all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, il Centro rappresenta, per l’Ulss 2, il completamento della rete volta a garantire una presa in carico multidisciplinare e strutturata ai pazienti affetti da queste problematiche. L’incontinenza è una patologia in grado di compromettere severamente la qualità di vita di chi ne è affetto, condizionandone la sfera familiare, relazionale e lavorativa. Nella maggior parte dei casi è vissuta con grande imbarazzo e come un tabù, portando molto spesso all’isolamento ed anche a forme di depressione le persone che ne soffrono.

I DATI

In Veneto soffrono di incontinenza, urinaria o fecale, 97.000 uomini e 450.000 donne: la spesa, per garantire loro un’assistenza ottimale, è di circa 36 milioni di euro l’anno.  Nella Marca su 885.972 residenti soffrono di incontinenza 76.245 persone (pari a circa il 10% della popolazione), mentre gli stomizzati sono 1.500. Meno del 20% delle persone affette da incontinenza affronta il problema con il proprio medico di medicina generale e solo lo 0.4% si rivolge a cure specialistiche.

Inaugurazione Centro incontinenze-2

LA RETE REGIONALE

Partendo dalla realtà esistente, per assicurare una presa in carico ottimale, garantendo al contempo uniformità di accesso alle cure e di trattamento sul territorio regionale, nonché appropriatezza delle prestazioni e razionalizzazione delle risorse, la Giunta Regionale del Veneto ha avviato, nel 2017, la costituzione della Rete Regionale dei Centri per incontinenze e stomie.

Questo modello organizzativo prevede tre livelli di assistenza:

Primo Livello – Assistenza Primaria: rappresentato dal medico di medicina generale/pediatra di libera scelta che ha un ruolo primario nella rilevazione e diagnosi dell’incontinenza e nell’orientamento verso i livelli superiori;

Secondo Livello – Ambulatorio Multidisciplinare Strutturale: presente in ogni Distretto e volto a garantire l’assistenza specialistica sia ambulatoriale che ospedaliera, attraverso un primo inquadramento diagnostico e l’attivazione di un iniziale percorso di cura;

Terzo Livello – Centro di Riferimento: si caratterizza per l’alta specializzazione e la capacità di eseguire esami diagnostici ed interventi chirurgici di alta complessità. Requisiti del Centro sono la presenza di un ambulatorio prime visite e follow-up, ambulatorio di diagnostica avanzata, ambulatorio di riabilitazione ed ambulatorio pazienti stomizzati. L’attività chirurgica viene svolta nelle UU.OO di Urologia e/o Ginecologia e/o Chirurgia Generale.

LA RETE NELL’ULSS 2

Recependo la delibera regionale l’Ulss 2 ha costituito, nel 2018, la Rete Aziendale dei Centri per incontinenza e stomie. I secondi livelli sono stati individuati nei Distretti Pieve di Soligo (Ospedali di Conegliano e Vittorio Veneto) e Asolo (Ospedali di Castelfranco Veneto e Montebelluna) e il terzo livello presso l’Ospedale di Treviso.

IL NUOVO CENTRO

Il Centro inaugurato oggi, che fa capo alla IV chirurgia diretta dal prof. Giacomo Zanus, assicurerà la diagnostica avanzata e i trattamenti chirurgici di alta complessità per i pazienti dell’Ulss 2 e, anche, dell’ULSS 1 Dolomiti. Nell’ambito del Centro, per la cui realizzazione sono stati investiti 235.000 euro,  saranno operativi quattro ambulatori dedicati, rispettivamente, alle visite, alla diagnostica, alla riabilitazione e agli stomizzati. A dirigere il Centro, la cui attività sarà coordinata da un Case manager, sarà il dr. Giulio Santoro, dirigente medico della IV chirurgia del Ca’ Foncello. Accanto al Case manager opereranno, a rotazione, tutti gli specialisti e le figure professionali (ginecologo, ostetrica, gastroenterologo, enterostomista, chirurgo, urologo, psicologo, dietista, fisiatra, fisioterapisti, infermieri), fondamentali per garantire una presa in carico multidisciplinare a 360°.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Estremamente importante, nella gestione dei pazienti con problemi di incontinenza e stomie è anche l’attività svolta, soprattutto in ambito informativo, dalle associazioni di pazienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento