menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caf Cisl Belluno Treviso, chiusa la campagna fiscale: compilate più di 64 mila dichiarazioni 730

In entrambe le province quest’anno si registra inoltre un 5% in più di famiglie che usufruiscono del servizio dedicato alla gestione di tutte le pratiche riguardanti le colf e le badanti

TREVISO Caf Cisl di Belluno Treviso, chiusa a fine luglio una campagna fiscale con numeri da record. Sono complessivamente 64.620 i cittadini trevigiani e bellunesi che si sono rivolti al Centro di assistenza fiscale della Cisl per compilare la dichiarazione dei redditi. In provincia di Treviso sono stati elaborati 49.722 modelli 730 nelle 15 sedi presenti nella Marca, 200 dichiarazioni in più rispetto all’anno precedente; nel bellunese i 730 compilati nelle 8 sedi provinciali sono stati 14.898, con un incremento di oltre 600 modelli (+4,5% sul 2017). Risultati importanti, che premiano le risorse messe in campo e gli investimenti fatti dalla Cisl in questi anni per migliorare il servizio, a partire dalle modalità di prenotazione. Oltre 18 mila, infatti, appuntamenti fissati con il sistema automatico tramite web o il numero telefonico unico per le prenotazioni. Ben 70 mila gli sms di promemoria degli appuntamenti inviati e 150 gli operatori al lavoro nelle 23 sedi del Caf trevigiano-bellunese.

“Siamo stati premiati dalle persone che si sono affidate al Caf della Cisl per la professionalità, l’efficienza e la velocità di accesso al servizio grazie alle prenotazioni on line e attraverso il numero unico - spiega Antonio Miotto, responsabile della struttura per Belluno e Treviso -, ma quest’anno ha fatto la differenza anche il nuovo orario di apertura delle sedi durante la campagna fiscale, che ha favorito i pensionati e i lavoratori dipendenti con orario continuato 8-20, aperture il sabato mattina nelle principali sedi della Marca e aperture anticipate alle 7 del mattino in provincia di Belluno. I contribuenti, pur avendo a disposizione il 730 precompilato, continuano a darci fiducia per la velocità nella elaborazione della pratica, per l’affidabilità del servizio anche in caso di contenzioso con l’Agenzia delle Entrate e per i costi contenuti. Quest’anno abbiamo anche incrementato il numero degli sportelli Caf all’interno delle aziende del territorio per essere ancora più vicini ai lavoratori. L’esperimento ha portato a ottimi risultati soprattutto nel bellunese, con presìdi fissi del Caf in una decina di aziende. Ringrazio tutti i collaboratori per l’attività svolta e gli ottimi risultati quest’anno”.

Risultati a cui si sommano le performance riguardanti il numero di persone che si sono rivolte al Caf per un supporto qualificato nella presentazione delle dichiarazioni di successione: a Treviso sono aumentate del 15% rispetto al 2017; nel Bellunese del 30%. In entrambe le province quest’anno si registra inoltre un 5% in più di famiglie che usufruiscono del servizio dedicato alla gestione di tutte le pratiche riguardanti le colf e le badanti (assunzione, licenziamenti, buste paga, contributi Inps e consulenza fiscale e contrattuale). Chiusa la campagna fiscale, il Caf Cisl Belluno Treviso si sta già organizzando per l’attività che nei prossimi mesi coinvolgerà altre migliaia di cittadini: la compilazione dei modelli Isee collegati alle iscrizioni alle Università e i modelli Red, le dichiarazioni che i pensionati sono tenuti a presentare nel caso in cui fruiscano di prestazioni collegate al reddito. Anche per queste prestazioni, è attivo il numero telefonico unico per le prenotazioni 0422/1660661.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento