rotate-mobile

Il Treviso Comic Book Festival compie 20 anni

Il Festival Internazionale di Fumetto e Illustrazione torna a Treviso da venerdì 29 settembre a domenica 1° ottobre, con la mostra mercato il sabato e la domenica

Un weekend di eventi imperdibili quello che si preannuncia dal 29 settembre al 1° ottobre per celebrare i 20 anni di Treviso Comic Book Festival, il Festival Internazionale di Fumetto e Illustrazione della città di Treviso. In arrivo un’edizione speciale che richiama a sé i grandi nomi che hanno accompagnato la prestigiosa kermesse in questo primo pezzo di storia e si fa espressione dei talenti emergenti e delle più forti novità artistiche. Grande attesa per la Mostra Mercato (sabato 30/9 e domenica 1/10), che raddoppia gli spazi e le opportunità di contatto con i migliori autori ed editori, nonché con le auto-produzioni. Tredici le mostre sparse in città tra gallerie private, musei civici e locali, in un percorso tematico che parte dalle origini, esprime il suo spirito internazionale e valorizza le produzioni locali. Riflettori puntati quindi sulle esposizioni dedicate ai vent’anni di festival, al fumetto contemporaneo svedese e ad artisti di fama internazionale come Paolo Bacilieri, Patrick Kyle o Ken Sausage, solo per citarne alcuni. In programma nei tre giorni di rassegna anche le premiazioni, tra cui il Premio Carlo Boscarato, numerosi eventi off, i talk con ospiti di rilievo del panorama nazionale ed internazionale e i workshop per tutte le età. La manifestazione, capace di aprire e riscoprire i luoghi della città, veste Treviso di fumetti a partire dalle vetrine del centro che saranno come sempre illustrate. Main sponsor dell’evento si riconferma Sun68.

Giovedì 7 settembre si è tenuta la conferenza stampa di lancio della nuova edizione del festival a Palazzo della Luce, alla presenza del sindaco del Comune di Treviso, Mario Conte, del consigliere della Provincia di Treviso, Roberto Borsato, della referente di Confcommercio Treviso, Antonella Della Giustina, della direttrice del Museo Nazionale Collezione Salce, Elisabetta Pasqualin, della referente della Fondazione Mazzotti, Roberta Temporin, della referente di Fondazione Benetton Studi e Ricerche, Alessandra Buso, del referente area Banca Prealpi SanBiagio, Francesco Piccin, del presidente e fondatore di Palazzo della Luce-Infinte Area, Patrizio Bof, dell’amministratore delegato di Energiapuntozero, Mauro Baldassa, del referente di Assicurazioni Generali Largo Porta Altinia Treviso, Marco Civai.

MOSTRA MERCATO

La Mostra Mercato, il cuore pulsante di Treviso Comic Book Festival, lo spazio espositivo e di incontro che riunisce gli editori di fumetto, oltre 200 autori e le autoproduzioni, si riconferma in una versione rinnovata ed ampliata. Due intere giornate – sabato 30 e domenica 1 ottobre – e due location trevigiane d’eccezione: il Museo Nazionale Collezione Salce (ex chiesa di Santa Margherita), che anche quest’anno ospita le più importanti case editrici italiane, e la novità dell’incantevole e attiguo Chiostro dell’Archivio di Stato, dove trova spazio la self area “InKitchen”. Per l’edizione del 2023 gli spazi della Mostra Mercato diventano “Pala Energiapuntozero”, partner del progetto, e sono aperti al pubblico tutto il giorno dalle 10 alle 19. Come lo scorso anno, il Museo Nazionale Collezione Salce ha previsto un biglietto ridotto che dà accesso anche alla mostra in corso “Medicina e pubblicità”.

MOSTRE

Il ventennale di Treviso Comic Book Festival inaugura una selezione di prestigiose mostre che puntano all’internazionalità ma anche alla riscoperta delle principali tappe della storia della kermesse, portando in scena i grandi autori ed autrici e, al contempo, dando voce ai nuovi talenti e alle espressioni locali. Fondazione Benetton Studi e Ricerche si prepara ad ospitare tre delle 13 mostre della rassegna, a partire da quella dedicata ai “Vent’anni di fumetti trevigiani”. L’esposizione, a cura di Alberto Corradi, traccia il profilo di quattro lustri della produzione a fumetti della Marca Trevigiana, ritraendo un vivido panorama che spazia dai comics made in Usa alla Bande Dessinée, fino alla nostrana e inossidabile casa editrice Bonelli, passando per il fumetto indipendente e il vasto mondo dell'auto-produzione, senza dimenticare scrittori, editori e vignettisti satirici. Altan, Luca Genovese, Karen Darboe, Marianna Pescosta, Paolo Gallina, Roberta Scomparsa, Claudio Calia, Elisa Di Virgilio… sono solo alcuni dei protagonisti di questo evento celebrativo che racconta un universo pulsante di vita, colori, ombre e luci rappresentato da quasi settanta autori, molti dei quali giovanissimi, impegnati a descrivere realtà e mondi immaginari. Vent’anni di fumetti trevigiani ma anche “Vent’anni di Treviso Comic Book Festival”. Con questo spirito nasce la mostra fotografica, allestita nello spazio Progetto Giovani, che ripercorre l’evoluzione della manifestazione creata dal compianto Massimo Bragaggia in un percorso per immagini che va dalle prime bancarelle in Piazza San Parisio alla mostra mercato in sala Borsa, fino alla sua forma attuale di rassegna internazionale.

In tema di ospiti illustri, TCBF presenta sempre a Palazzo Bomben la personale di Paolo Bacilieri, dedicata all’ultimo decennio di attività del maestro. Un omaggio ad uno dei migliori fumettisti italiani, un viaggio nell’universo creativo dell’autore ed un percorso attraverso oltre 100 tavole dei suoi lavori più noti, fino all’ultimo inedito “Basta a ciascun giorno la sua pena”, titolo dell’esposizione e in uscita per Coconino Press in concomitanza con il festival.

Treviso Comic Book Festival 2023 si fa anche palcoscenico di importanti mostre internazionali, prima fra tutte quella dedicata al fumetto contemporaneo svedese, grande orgoglio per il festival trevigiano che ha ottenuto il “Grant per la promozione internazionale della letteratura svedese” dello Swedish Arts Council. L’esposizione, a Casa Robegan (ora gestita da Fondazione Mazzotti), vanta tre ospiti d’eccezione, diversi nello stile e nelle narrazioni ma accumunati dalla spiccata capacità di raccontare in modo pungente la nostra umanità: Bim Eriksson, con la sua prima graphic novel tradotta in italiano, il distopico “Baby Blue” (Add editore); Moa Romanova con l’edizione italiana del suo esordio “Goblin Girl” (Add editore), il primo fumetto svedese vincitore del prestigioso Eisner Award; e infine Erik Svetoft con “SPA”, in anteprima proprio al festival per Saldapress, già nominato nella Sélection Officielle del Festival d’Angouleme 2023 e sua prima opera ad essere tradotta a livello internazionale. Da oltreoceano, invece, approda a Spazio Solido la mostra di uno dei rappresentanti più apprezzati nel panorama del nuovo fumetto canadese: Patrick Kyle, fumettista e illustratore di Toronto con la retrospettiva “Ten in Goblin Years”, che comprende anche alcuni originali creati ad hoc per il TCBF. Imperdibile al Dump la mostra di Cristian Robles, in arte Ken Sausage, il poliedrico artista visivo capace di creare mondi distopici e surreali, abitati da figure scomposte e ricomposte in un immersivo e non rassicurante universo di follia e colori. Il viaggio nelle contaminazioni del festival volge poi lo sguardo ad Oriente con Jessica Cioffi, in arte Loputyn. La mostra, ospite sempre di Fondazione Benetton, è uno spaccato visivo dell’evoluzione dell’artista capace di sublimare con il suo tratto delicato ed elegante l’incontro tra manga e arte dell’illustrazione, in un immaginario tra il gotico e il vittoriano e con un chiaro riferimento alla cultura giapponese.

Treviso Comic Book Festival è anche un trampolino di lancio per artisti che emergono e si affermano insieme alla kermesse, come nel caso di Marco Quadri, già vincitore del Concorso Internazionale Esordienti nel 2020 e oggi acclamato disegnatore e fumettista a livello internazionale, questa volta presente al TCBF con una personale alla Galleria del Liceo Artistico. Un ritorno anche per i veneti “under 30” Eliana Albertini, Iris Biasio e Miguel Vila, tutti e tre vincitori di un premio Boscarato, con l’esposizione a Casa Robegan dal titolo “Succede a tutti, mamma”, un’indagine delle piccole normalità quotidiane in un dualismo continuo che manifesta i mutamenti dei luoghi di appartenenza, mettendo in scena una folla molto varia di umanità colta nelle sue manie e nelle sue fragilità.

Casa Robegan diventa lo spazio dedicato ad altri orgogli nostrani con la mostra “Trevisani nel mondo”, nata per raccontare i 50 anni dell’omonima Associazione Internazionale e promuovere “Trevisani nel mondo – una storia a fumetti”, il libro realizzato in occasione dell’anniversario, scritto dal coneglianese Luca Vanzella, che offre uno spaccato di oltre 100 anni di emigrazione trevigiana e dell’associazione che da sempre ha cercato di mantenere vivo il legame tra chi partiva e chi restava. Il fumetto, che raccoglie le tante storie degli emigranti veneti e trevigiani, e soprattutto la vita e i viaggi del fondatore Don Canuto Toso, purtroppo recentemente scomparso, è stato realizzato col sostegno della Regione del Veneto, il patrocinio della Provincia di Treviso e il supporto del TCBF.

Cà da Noal è anche la cornice, seppure solo fisica, di un mondo incantato, immerso nella natura, tra boschi e prati brulicanti che lasceranno senza fiato i più piccoli appassionati del festival. Proprio ai bambini e alle loro famiglie si rivolge la mostra dell’artista Arianna Cicciò, promettente talento trevigiano cresciuto con il TCBF. Trevigiano è anche Carlo Schievano, aka FATGOMEZ, il giovane autore selezionato per il manifesto dell’edizione dei 20 anni del festival, presente allo Spazio X con una personale delle sue opere, ispirate al mondo sci-fi e al fumetto underground, in grado di catturare l'essenza dei soggetti in modo visivamente accattivante. Come ogni anno, infine, Piola ospita le opere auto-prodotte con la mostra dedicata al collettivo Banda Bendata, vincitore proprio del Premio Piola alla miglior autoproduzione nel 2022.

WORKSHOP

Treviso Comic Book Festival non sostiene solo l’espressione dell’arte del fumetto ma anche la sua scoperta e valorizzazione. Con questo spirito sono nati gli attesissimi workshop firmati TCBF, importanti occasioni di formazione pensati per tutte e le età e tutti i livelli. Fumetto, illustrazione, colorazione, lettering e pittura digitale in collaborazione con l’azienda spresianese Reber R41, sono solo alcuni dei contenuti trattati negli oltre 18 laboratori del festival. Come ogni anno, la BRAT - Biblioteca dei Ragazzi del Comune di Treviso accoglie quelli dedicati ai bambini e alle bambine, Progetto Giovani di Treviso quelli pensati per gli adolescenti, Palazzo della Luce ospita le attività destinate ad un pubblico principiante ed avanzato e infine previsto nei nuovi spazi di Banca Prealpi SanBiagio in Piazza della Vittoria uno speciale laboratorio di autoproduzione.

TALK

Nelle giornate di sabato e domenica appuntamento imperdibile con i talk in compagnia dei più importanti autori ed editori del panorama nazionale ed internazionale. Il ventennale del festival richiama a sé ospiti di primo piano nelle tecnologiche e multimediali sale del Palazzo della Luce. Un’occasione irrinunciabile per conoscere da vicino artisti ed artiste da tutto il mondo, scoprire le novità editoriali, le curiosità del fumetto e non solo. L’elenco dei nomi attesi per questa edizione è più ricco che mai, tra questi FumettiBrutti con la presentazione del suo nuovo libro, la star di YouTube Cartoni Morti con la star di TikTok Pupetti Tutti Matti, Paolo Bacilieri e il trio di artisti protagonisti della mostra dedicata al museo contemporaneo svedese: Bim Eriksson, Moa Romanova ed Erik Svetoft.

EVENTI, CONCORSI E VETRINE

TCBF nasce come festival diffuso che percorre le vie cittadine, i luoghi più amati e quelli ancora da scoprire, portando con sé l’arte e la magia del fumetto. Un festival che cambia il volto della città e la ridipinge attraverso le oltre 200 vetrine illustrate del centro storico, in collaborazione con Confcommercio Treviso, Montana Cans, Hard2Buff e Foodracers. Ma non solo, l’edizione del 2023 regala alla Città di Treviso un murales realizzato da uno dei maggiori street artist italiani, Cento Canesio, trevigiano ma attivo in tutta Italia e all’estero: sarà infatti illustrata la casetta Enel del parcheggio Ex Pattindromo.

Oltre alle mostre, gli eventi off, i momenti musicali e i live painting, riflettori puntati anche sui concorsi del festival, come il Premio Carlo Boscarato, intitolato allo storico fumettista trevigiano e dedicato alle migliori novità editoriali, il Premio Internazionale di Fumetto, che quest’anno ha raccolto 115 candidature di nuovi autori ed esordienti da ogni parte del mondo, dalla Libia all’india India, dall’Afghanistan al Venezuela, passando per la Cina. Sabato e domenica pomeriggio, inoltre, in programma nello store di OVS grande animazione con live painting, musica e spettacoli targati TCBF.

Il festival poi è sempre attento al rapporto con la città e per questo sono ben 9 le mostre off in diversi locali del centro e sono 13 invece quelli protagonisti di un’iniziativa speciale: la creazione di sottobicchieri da birra originali, uno diverso per ogni locale, in una sorta di tour tra fumetto e drink. (Il programma a breve sul sito)

UN FLYER CHE DIVENTA UN FLOWER

Grande novità di questa edizione del TCBF è l’innovativo e quanto mai sostenibile flyer del programma. L’iniziativa, promossa in collaborazione con il partner Energiapuntozero, guarda ad un notevole risparmio di energia e risorse e vuole dedicare una divertente sorpresa ai sostenitori del festival. Il volantino sarà infatti stampato su carta realizzata con dei semi (selezionati dal team di Piccolo Seeds), sarà consultabile tramite un pratico QRcode e alla fine della rassegna potrà essere piantato per diventare un fiore.

TCBF 2023 Bacilieri

«In 20 anni il Treviso Comic Book Festival si è sempre impegnato a portare valore, cultura e bellezza in questa città, mettendo in campo ogni anno sempre più creatività ed energie. In due decenni abbiamo allestito ben 220 mostre e abbiamo ospitato oltre 2500 fumettisti e illustratori da tutta Italia, di cui 200 dall’estero. L’edizione di quest’anno è forte di tante piacevoli conferme, di una doppia sede per la Mostra Mercato grazie alla nuova partnership con l’Archivio di Stato (che si affiancherà al Museo Nazionale Collezione Salce), e saprà coniugare lo sguardo locale - grazie soprattutto alla mostra dedicata ai 67 fumettisti e illustratori trevigiani - con quello internazionale, non solo per la presenza di artisti ed editori stranieri ma anche per il contributo dello Swedish Arts Council. Ci prepariamo a un coinvolgimento della città a 360° - dalle sedi museali ai locali, dagli esercizi commerciali ai luoghi di aggregazione - per un festival diffuso dedicato a tutti i cittadini e le cittadine di Treviso e non solo. Anche per questi risultati non possiamo che essere grati a tutti i volontari e le volontarie del festival per il loro contributo, la loro energia e il loro entusiasmo» spiegano i direttori artistici del Treviso Comic Book Festival, Sara Chissalè, Nicola Ferrarese e Alberto Polita, e il presidente, Stefano Cendron.

«Gli ultimi vent’anni di Treviso Comic Book Festival sono stati un crescendo. Un festival che ha resistito e, anzi, è evoluto nel tempo. Un orgoglio per la città di Treviso, nonché tassello fondamentale della nostra prossima candidatura a Capitale della Cultura 2026. TCBF è un unicum a livello nazionale, un esempio di sostenibilità sociale in grado di trasmettere cultura, bellezza, allegria e sorrisi. Il mio grazie va a tutti i volontari e al festival che porta più di tutti nel mondo il nome di Treviso» così ha commentato il sindaco della Città di Treviso, Mario Conte. Presente alla conferenza stampa anche il consigliere della Provincia di Treviso, Roberto Borsato.

Antonella Della Giustina, responsabile di Confcommercio Treviso ha dichiarato: «Il Progetto Vetrine in collaborazione con TCBF è quello che riscuote sempre più adesioni e voglia di esserci tra i nostri associati. Le vetrine, accese e disegnate, riescono a rendere la comunità ancora più vivace e siamo grati di poter vivere tutto questo insieme al festival».

È intervenuta anche Alessandra Buso di Fondazione Benetton Studi e Ricerche: “Dal 2009 ospitiamo con gioia nei nostri spazi le mostre della rassegna. Questa importante iniziativa, dietro cui c’è un grande lavoro, è un’opportunità per la città di Treviso e siamo grati di poterne fare parte».

«Bepi Mazzotti ha sempre sostenuto l’arte a Treviso per cui non potevamo che supportare il Treviso Comic Book Festival ospitando non solo le mostre ma anche interessanti eventi che vedranno la partecipazione degli artisti del TCBF» così ha commentato Roberta Temporin, referente di Fondazione Mazzotti, che gestisce gli spazi di Casa Robegan.

«La collaborazione con Treviso Comic Book Festival è l’occasione per stare dalla parte dei giovani e della città, per condividere un processo creativo e per rimanere aperti verso il futuro» queste le parole del presidente e fondatore di Palazzo della Luce-Infinte Area, Patrizio Bof.

«Per noi è un piacere tornare partner del Treviso Comic Book Festival e quest’anno insieme all’Archivio di Stato sarà ancora bello essere parte della rassegna” – racconta la direttrice del Museo Nazionale Collezione Salce, Elisabetta Pasqualin – “I due meravigliosi chiostri saranno un punto di congiunzione e di sinergia, due luoghi statali che sono parte attiva della rete culturale di Treviso».

«SUN68 ha accompagnato il TCBF per gli ultimi 8 anni, un percorso durante il quale abbiamo assistito alla crescita del Festival come manifestazione di rilievo nazionale ed internazionale, un hub della creatività al quale abbiamo anche noi attinto, collaborando con illustratori ed artisti” – è la sintesi del CEO del gruppo Numero 8 (SUN68, Cycle Jeans, Socks Burger & Fries), Enrico Spinazzè – “Siamo molto orgogliosi di aver percorso un tratto di strada assieme e ci congratuliamo con gli amici del TCBF per questi 20 anni di successi».

«Anche quest'anno abbiamo rinnovato con entusiasmo la collaborazione con il TCBF, che è ormai uno degli appuntamenti più attesi in tutta Italia per gli amanti del fumetto. Una partnership che viene da lontano, perché il nostro Istituto ritiene che talento, creatività e passione siano valori fondamentali per la crescita dei giovani del territorio, e crede nel fumetto come forma d'arte che consente di liberare la propria fantasia. Sin dal 2012 realizziamo il ‘nostro’ Alex Dream, un progetto di educazione finanziaria rivolto alle nuove generazioni che utilizza proprio il mezzo del fumetto. Diversi sono gli appuntamenti legati alla collaborazione con il TCBF, il più importante tra tutti è senza dubbio il Concorso Internazionale per Nuovi Autori, che si rivolge a giovani autori esordienti che vogliono mettere alla prova le loro abilità e realizzare una breve storia a fumetti. Siamo orgogliosi di aver dato vita ad una progettualità condivisa che mette al centro i giovani e l'espressione artistica. Buon Treviso Comic Book Festival a tutti!» commenta Francesco Piccin, capoarea di Banca Prealpi SanBiagio.

Aggiunge Mauro Baldassa, amministratore delegato di Energiapuntozero: «Per la seconda edizione e quest’anno con ancora maggiore convinzione, Energiapuntozero sostiene con entusiasmo il Treviso Comic Book Festival. Ci sembra giusto riversare la fiducia ricevuta da tanti cittadine e cittadini in un’iniziativa così speciale e accostare il nostro marchio al TCBF».

«Siamo da sempre molto vicini all’arte e alla cultura trevigiane e per questo è un piacere per noi sostenere il TCBF e tutte le sue iniziative. Ogni volta siamo stupiti dalla creatività e abilità di tutte le persone che ci lavorano» chiosa il referente di Assicurazioni Generali Largo Porta Altinia Treviso, Marco Civai.

Conferenza stampa TCBF 2023_1

Video popolari

TrevisoToday è in caricamento