Quartieri e "sociale" traditi dalla variazione di bilancio Conte

L'opinione di Gigi Calesso, Coalizione Civica

TREVISO Il primo vero atto politico dell'amministrazione Conte è in netta contraddizione con parti importanti (se non decisive) del programma elettorale del nuovo sindaco che aveva assicurato attenzione prioritaria ai quartieri e al "sociale" (espressione infelice con cui si ormai comunemente riferimento agli interventi assistenziali e sociosanitari, al volontariato). Proprio in questi due settori, grazie anche agli interventi sul piano triennale delle opere pubbliche, non solo non si incrementano gli stanziamenti ma, addirittura, vengono ridotti.

Dove va a finire l'avanzo di bilancio della precedente amministrazione? Sostanzialmente viene suddiviso tra la polizia locale (che finisce col ritrovarsi quasi 700.000 € in più a disposizione) e i contributi al Teatro Comunale, ad associazioni culturali e sportive. Esce, quindi, ampiamente confermata la visione "securitaria" di questa amministrazione che ritiene di poter intervenire sulla qualità della vita dei cittadini non con gli interventi sociali ma con il potenziamento di una polizia locale sempre più lontana dai cittadini, sempre meno al loro fianco e sempre più votata ad interventi per i quali sono molto più dotati e competenti le forze dell'ordine "nazionali".

Pare del tutto inutile ripetere, ancora una volta, che sul fronte del disagio sociale che causa microcriminalità e degrado sono molto più efficaci gli assistenti sociali e gli operatori di strada che gli agenti di polizia e che questa è la visione e la strategia che accomuna le amministrazioni locali più avanzate, e che dà maggiori risultati. Sicuramente, poi, sono utili (se non indispensabili) gli stanziamenti per il Teatro Comunale e per l'associazionismo ma sarà necessario verificare come saranno assegnati i contributi, per capire se si tratta di fondi "mirati" per attività che rientrano all'interno della progettualità dell'amministrazione in ambito culturale e sportivo o se sarà la solita assegnazione di risorse "a pioggia", gestita, magari dalla Giunta nella sua totale discrezionalità.

Gigi Calesso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento