rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024

Elezioni, ecco la lista Conte: «Agli alleati sarà riconosciuto il giusto peso»

In 150 sulle mura per l'avvio della campagna elettorale del sindaco: con lui consiglieri comunali, sindaci e simpatizzzanti. Venerdì prossimo sarà la volta della lista Lega. Attenzione a università, sostenibilità, futuro e anziani. L'ex Macello non sarà un dormitorio ma una struttura per il reinserimento sociale. Il 2 marzo in via Orsenigo partono i lavori di bonifica della discarica

Famiglia, sostenibilità e futuro: questi i punti fondamentali del programma. La chiave, come cinque anni fa, scelta come simbolo della lista che lo accompagnerà in vista delle prossime elezioni comunali. E' partita nella mattinata di oggi, 18 febbraio, sulle mura cittadine che si affacciano su piazzale Burchiellati la corsa del sindaco Mario Conte verso la riconferma a Ca' Sugana. Ad accompagnarlo stamattina almeno 150 persone. Non sono mancati all'appello molti militari leghisti, il consigliere provinciale del direttivo Giacomo Savi, Guerrino Mancini, Dimitri Coin, i consiglieri comunali della sua lista («Da loro mai nessuna pugnalata alle spalle»: ha ricordato Conte), sindaci, (tra cui Gianangelo Bof e Paola Roma) simpatizzanti, semplici curiosi e tanti che aspirano ad una candidatura.

Gli equilibri nel centrodestra che sostiene Conte sono certamente destinati a cambiare, alla luce dei risultati delle ultime politiche, quindi i militari leghisti saranno certamente suddivisi equamente dalla una lista Lega (che sarà presentata venerdì prossimo) e quella del sindaco in cui molti sgomitano per entrare. Sulla possibilità di un vicesindaco di Fratelli d'Italia (circola il nome dell'avvocato Fabio Crea), il sindaco è stato molto chiaro: «Prima si vince dopodichè ad ognuno verrà riconosciuto il giusto peso che ha, voglio degli alleati forti, determinati, propositivi e costruttivi e quindi siamo qui per condividere e riconoscere quello che sarà il peso di tutte le forze in campo». E dopo il 2028? «L'obiettivo è vincere le amministrative, un obiettivo alla volta, non so' se è un trampolino, sono abituato a conquistare una cosa alla volta, ora l'obiettivo è vincere possibilmente bene».

Nel programma grande attenzione all'Università (già investiti 15 milioni per Campus, studentati, raddoppio della biblioteca Zanzotto), agli anziani ma anche la realizzazione di tanti progetti imbastiti in questi cinque anni del primo mandato: dalla riqualificazione della caserma Salsa, al masterplan dell'aeroporto, passando per la riqualificazione dell'ex Macello che secondo i piani di Conte dovrebbe trasformarsi non in un semplice dormitorio ma in una struttura per il reinserimento sociale. Tra i progetti realizzati o in corso di realizzazione ci ssono i 20 km di fognature, i lavori delle scuole Stefanini e la bonifica dell'ex discarica di via Orsenigo (qualcosa di rivoluzionario per il quartiere di San Paolo che da oltre 40 anni attendeva questo intervento), destinata di diventare una comunità energetica con un parco fotovoltaico da un Megawatt. Il prossimo 2 marzo, alla presenza del governatore Luca Zaia, il via ufficiale ai lavori.

Durante il suo intervento dal palco, Conte ha fatto pure riferimento all'indagine sulla case popolari che ha portato lo scorso all'azzeramento del bando per le assegnazioni degli alloggi. «Anche se ci sono delle indagini in corso le nostre coscienze sono pulite, i furbetti devono trovare posto da un'altra parte, siamo stannchi di vedere le auto di lusso sotto le case popolari»: ha sottolineato.

Conte e i consiglieri comunali della sua lista

Video popolari

Elezioni, ecco la lista Conte: «Agli alleati sarà riconosciuto il giusto peso»

TrevisoToday è in caricamento