menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Continuano i controlli anti-droga a scuola, gli Studenti Medi: "E politica del terrore"

Questa volta è il polo scolastico di San Pelajo ad essere interessato: mobilitate unità cinofile e pattuglie della polizia all'entrata delle scuole per i controlli

Dopo solo una settimana dall'inizio dei controlli antidroga a Treviso e in provincia l'operazione "Scuole Sicure" continua. Questa volta è il polo scolastico di San Pelajo ad essere interessato, stamattina infatti si sono presentati unità cinofile e pattuglie della polizia all'entrata delle scuole per i controlli. La politica del terrore continua a dilagare nelle scuole con azioni propagandistiche di una destra che colpisce i più deboli, che abbandona la lotta alla mafia , limita i diritti e l'accesso alla cultura.

In tutta Italia il mondo dell'istruzione si presenta sempre più esclusivo: emblematico il caso di Reggio Calabria con le restrizioni sui ritardi ed uscite degli studenti Rom, a Lodi con l'esclusione dalle mense per bambini stranieri e nella nostra stessa provincia con il buono-libri limitati.
Chiediamo un'istruzione inclusiva e attiva, in cui gli studenti vengano educati e non terrorizzati, un'istruzione che sia il punto di partenza per una lotta alla tossicodipendenza vera e non di facciata, con percorsi reali di aiuto ed educazione, non con una mera repressione che serve per distrarre il paese dai problemi reali.

Rete Studenti Medi di Treviso

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

A Pederobba è il giorno del taglio del nastro per il nuovo IperTosano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento