rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Centro

Torna "Treviso Giallo" per quattro giorni d’incontri, convegni e presentazioni di libri

Appuntamento in città dal 30 settembre al 3 ottobre nella prestigiosa sede del Museo Luigi Bailo per un approfondimento del genere giallo e noir che lo proietta a fianco dei maggiori festival europei

La terza edizione del Festival Treviso Giallo si svolgerà a Treviso dal 30 settembre al 3 ottobre nella prestigiosa sede del Museo Luigi Bailo; quattro giorni d’incontri, tavole rotonde, presentazioni di libri ai quali parteciperanno scrittori, giornalisti, sociologi, criminologi, investigatori, magistrati, psicologi. Quest’anno, in occasione dei 100 anni dalla nascita di Leonardo Sciascia, Friedrich Dürrenmatt e della scrittrice Patricia Highsmith, sono previsti incontri, lectio magistralis, mostre e proiezioni cinematografiche per omaggiare tre figure fondamentali del giallo e noir del Novecento letterario. Caratterizzato da un approccio che tiene insieme l’impostazione letteraria e quella scientifica, grazie all’opera del Comitato scientifico presieduto da Elvio Guagnini, il Festival offre un approfondimento del genere giallo e noir che lo proietta a fianco dei maggiori festival europei.

Aperto al pubblico con ingresso gratuito fino a esaurimento posti, Treviso Giallo è organizzato dall’Accademia Veneta in collaborazione con il Comune di Treviso e la Regione del Veneto, con il patrocinio del MiBACT, dell’Ufficio italiano del Consiglio d’Europa, del Consolato Generale di Svizzera, della Provincia di Treviso, Ass. Amici di Leonardo Sciascia, Comitato Nazionale Centenario Sciasciano, Fondazione Leonardo Sciascia, della Camera di Commercio di Treviso/Belluno/Dolomiti, di Confcommercio Treviso, di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, dell’Università di Padova, dell’Università di Trieste, dell’Università IULM Milano e dell’Università dell’Aquila. Sotto gli auspici del CEPELL, Centro per il Libro e la Lettura e con la collaborazione dell’Istituto italiano di cultura di Parigi, del Centro Studi Friedrich Dürrenmatt di Neuchâtel, della Fondazione Oderzo Cultura e di H-Farm. Il Festival, inoltre, è gemellato con il Festival delle Idee, Sugarpulp e Urbinoir.

Tra i molti ospiti attesi: Alessandro Robecchi, Piera Carlomagno, Massimo Carlotto, Cristina Cassar Scalia, Andrea Vitali, Giancarlo De Cataldo, Jean-Paul Delfino, François Morlupi, Vera Slepoj, Riccardo De Palo, Fulvio Ervas, Gabriella Genisi, Davide Longo, Gilda Policastro, Piergiorgio Pulixi, Alessandro Robecchi, Anna Vera Sullam, Paolo Roversi, Rosa Teruzzi, Mariolina Venezia, Luca Crovi, Carlo Callegari, Roberto Tiraboschi.

L’obiettivo del Festival è di valorizzare, con un approccio che abbraccia unitariamente più discipline, il genere letterario giallo e noir, nelle sue declinazioni peculiari. Infatti, Treviso Giallo ha la finalità di creare un preciso percorso metodologico che consente di fornire al pubblico una nuova chiave di lettura della letteratura gialla e noir, tesa soprattutto a far recepire quanto il suddetto genere sia uno strumento privilegiato di analisi della società contemporanea (Pierluigi Granata, comitato scientifico Festival Treviso Giallo).

Tra gli eventi più significativi di questa edizione la celebrazione di grandi autori, Sciascia, Dürrenmatt e l’autrice Highsmith, personalità che hanno sovvertito le regole del giallo rendendolo uno strumento d’inchiesta e d’impegno civile. È proprio nel segno dello scrittore siciliano che si apre il Festival giovedì 30 settembre con una lectio magistralis di Elvio Guagnini, professore emerito dell’Università di Trieste, dal titolo Leonardo Sciascia e il giallo per proseguire con la presentazione dell’ultimo romanzo di Gilda Policastro La parte di Malvasia. E, ancora, il giallo della storica dell’arte Paola Bonifacio Il delitto Winckelmann. La tragica morte del padre dell'archeologia moderna per passare poi alla serie di romanzi gialli della scrittrice Gabriella Genisi Le indagini di Lolita Lobosco da cui è liberamente ispirata l’omonima serie televisiva prodotta da Rai Fiction.

Letteratura e cinema protagonisti del focus Patricia Highsmith a 100 anni dalla nascita, i romanzi della signora della narrativa noir hanno infatti ispirato grandi registi, da Hitchcock a Wenders. A parlarne il docente e critico cinematografico Carlo Montanaro e Alessandra Calanchi dell’Università di Urbino, responsabile del Festival Urbinoir, a chiudere la serata la proiezione di I due volti di gennaio di Hossein Amini. E ancora incontri, lectio magistralis e mostre venerdì 1° ottobre a partire dall’evento formativo riservato ai giornalisti Sciascia e il giornalismo d’inchiesta: una lezione ancora attuale per proseguire con l’incontro a cura dello scrittore Francesco Ferracin Giallo e nuovi linguaggi.

Scrittori e intellettuali che hanno fatto del giallo un mezzo di denuncia sociale, Friedrich Dürrenmatt e Leonardo Sciascia sono al centro di due importanti appuntamenti, rispettivamente la lectio magistralis, Friedrich Dürrenmatt, un teologo nichilista? tenuta da Giorgio Manacorda, e una tavola rotonda che si interroga sull’influenza della letteratura francese su Sciascia concentrando l’attenzione sul padre del Naturalismo francese Émile Zola, intervengono Jean-Paul Delfino, autore di Assassini! L’ultima notte di Zola, Diego Marani, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, Graziano Benelli, professore emerito dell’Università di Trieste, modera Elvio Guagnini, professore emerito dell’Università di Trieste. A inaugurare la mostra dedicata alle opere artistiche di Friedrich Dürrenmatt, interverranno Alessandra Guidone, Musei Civici di Treviso e Madeleine Betschart, direttrice del CDN, centro studi su Dürrenmatt di Neuchâtel. A seguire, l’autore di Romanzo criminale e Suburra, Giancarlo De Cataldo, presenta Il suo freddo pianto, l’ultima indagine per il pm Manrico Spinori della Rocca protagonista dei suoi romanzi.

Letteratura, crimine e giustizia in Sciascia e Dürrenmatt è il titolo della conferenza che apre la giornata di sabato 2 ottobre e che vede coinvolti Ricciarda Ricorda, Università Ca’ Foscari Venezia, Giorgio Manacorda, professore emerito dell’Università della Tuscia-Viterbo, Carlo Nordio, già magistrato, Sergia Adamo, Università di Trieste, Madeleine Betschart, CDN, Paolo Squillacioti, curatore dell’opera ominia di Sciascia per Adelphi. A seguire presso il Museo Luigi Balio le presentazioni dei libri; Come delfini tra pescecani. Un’indagine dei Cinque di Monteverde di François Morlupi, Il sesto comandamento di Anna Vera Sullam, Un bello scherzo di Andrea Vitali, L’uomo del porto di Cristina Cassar Scalia, a chiudere, il dialogo tra Massimo Carlotto che presenta E verrà un altro inverno e Piergiorgio Pulixi che presenta Un colpo al cuore.

Ad aprire l’ultima giornata del Festival domenica 3 ottobre la novità dell’edizione 2021, l’inserimento della sezione bambini con il Giallo dei Gialli, un progetto che vuole coinvolgere i piccoli lettori e sensibilizzare sull’importanza della lettura. In programma la presentazione dei libri e dei laboratori Il commissario Virgola e il giallo dei gialli di Marco Zanchi e Raffa e Margot nella villetta degli orrori di Beatrice Peruffo. A seguire Nicola Moncada presenta La villa oscura con lo scrittore Claudio Mattia Serafin. Tutto al femminile l’incontro tenuto da Maristella Cerato, giudice della Corte d’Appello di Venezia, Isabella Fusiello, Questore di Padova, Rosa Teruzzi, giornalista e scrittrice, Mariolina Venezia, scrittrice e sceneggiatrice, Giallo e l’investigazione al femminile a cui fa seguito la presentazione di libri Il pregiudizio della sopravvivenza di Paolo Roversi, Flora di Alessandro Robecchi, La saga di Bramard e Arcadipane di Davide Longo, Luca Crovi presenta Storia del giallo italiano mentre Piera Carlomagno Nero Lucano.
L’autore siciliano Leonardo Sciascia torna protagonista con la proiezione del docu-film Argos, scritto e diretto da Fabio Bagnasco con la Fondazione Leonardo.

Confermata anche quest’anno la partecipazione al Festival Treviso Giallo di alcune città della Marca trevigiana, importanti appuntamenti saranno organizzati nelle principali librerie di Conegliano, Oderzo, Montebelluna e Castelfranco, presso la Fondazione Oderzo Cultura, il Museo M9 di Mestre Venezia, il campus universitario H-Farm. Inaugurato, oltre a quello consolidato con Sugarpulp, anche il gemellaggio con il Festival delle Idee, all’insegna di una collaborazione culturale che possa collegare province differenti e offrire a livello regionale una proposta articolata e stimolante. In seguito al successo riscosso lo scorso anno saranno riproposte le visite guidate alla scoperta della Treviso Noir a cura di
Mediolanum. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna "Treviso Giallo" per quattro giorni d’incontri, convegni e presentazioni di libri

TrevisoToday è in caricamento