Ostetricia: l'intera equipe sottoposta al tampone, in servizio solo i negativi

Il reparto del Ca' Foncello è dotato di circa 70 posti letto. Nei giorni scorsi la lettera di ringraziamento di una mamma che ha scelto il nosocomio trevigiano per dare alla luce il suo figlioletto, Davide

Una paziente del reparto di ginecologia

«Vorrei esprimere il mio più grande ringraziamento a medici, ostetriche e a tutto il personale che si è preso cura di me e della mia nuova famiglia, in uno dei momenti più belli e potenti della nostra vita: la nascita di Davide. In questo periodo di tensione e preoccupazione generale non sono mancate dolcezza e professionalità, che ci hanno permesso di vivere un’esperienza magnifica e indimenticabile! Grazie!». Questo il ringraziamento pervenuto all’équipe di Ostetricia-Ginecologia dell’Ospedale Ca’ Foncello da una mamma che nei giorni scorsi ha scelto il nosocomio trevigiano per partorire. «Vorremo rassicurare tutte le future mamme sulla situazione del Reparto diretto dal Dr. Busato -sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi- A seguito di alcune positività registrate, peraltro relative a personale che operava quasi esclusivamente in Ginecologia e non in Ostetricia, tutti gli operatori – a massima garanzia dell’utenza -  sono stati sottoposti a tampone. Gli aspiranti genitori possono stare dunque tranquilli, il personale in servizio è tutto negativo al test, test che viene periodicamente ripetuto».

foto ostetricia 2-2

Nel reparto, che rappresenta una delle eccellenze del Ca’ Foncello, oltre allo screening per tutti gli operatori, sono state adottate tutte le misure utili ai fini della prevenzione del rischio di contagio, comprendenti l’utilizzo sistematico dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) per tutte le attività assistenziali e il rigoroso rispetto delle precauzioni standard da parte dell’intero personale. L’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia di Treviso rappresenta una struttura di riferimento a livello Regionale, con la presenza di una patologia neonatale all'avanguardia: svolge un'attività di assistenza al parto sia spontaneo che non. Il parto a Treviso è sempre stato considerato un evento naturale e la sua “umanizzazione” rappresenta un motivo di orgoglio per l’intera Azienda ULSS 2. Nel mese di Ottobre 2019 è stata inaugurata la nuova sala parto dotata di vasca, letto per il parto e culla per eventuale assistenza neonatale. Nel corso del 2019 sono state eseguiti oltre 2.000 parti ed è stato garantito l’accesso all’analgesia peridurale H24 su richiesta della partoriente.

Il reparto è dotato di circa 70 posti letto ed è strutturato in servizi di competenza specialistica impegnati nella tutela della salute della donna in gravidanza e del suo bambino. Il personale operante, composto da oltre 20 dirigenti medici, da personale infermieristico e di supporto e da un'equipe ostetrica altamente qualificata, accompagna le pazienti lungo l’intero percorso assistenziale. L’Ostetricia offre inoltre tutti i servizi di diagnosi prenatale (amniocentesi, villocentesi, mappe cromosomiche), ecografie ostetriche e attività di cardiotocografia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento