Il gruppo Basso mette a disposizione spazi per i tamponi

L'azienda trevigiana si mette a disposizione di Enti, operatori sanitari e medici, offrendo loro ad una cifra puramente simbolica i propri spazi

Dal gruppo Basso l'offerta di luoghi idonei per fare i test

In questo momento di criticità sanitaria, il Gruppo Basso apre le proprie porte a chi, concretamente, opera per contrastare la pandemia. In cinque regioni italiane - Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Emilia-Romagna e Toscana - l'azienda trevigiana si mette a disposizione di Enti, operatori sanitari e medici, offrendo loro ad una cifra puramente simbolica i propri spazi.

Una iniziativa che intende agevolare chi deve gestire le operazioni di contingentamento dell'epidemia, come, ad esempio, l'esecuzione dei tamponi per la ricerca del virus. In concreto, Gruppo Basso mette a disposizione del personale sanitario, degli Enti locali e delle associazioni di volontariato abilitati, i locali per eseguire i tamponi e per tutte le altre esigenze correlate alla pandemia sanitaria, all'interno dei complessi immobiliari non residenziali e di diretta proprietà. Gli spazi individuati, già allestiti e pronti all'uso, sono tutti ubicati in immobili facilmente raggiungibili e fruibili 24 ore su 24. Inoltre, tutti i locali sono dotati di servizi igienici, non presentano nessun collegamento diretto con aree residenziali, sono dotati ampio parcheggio o di piazzale illuminato e, in alcune location, offrono anche la possibilità di organizzare all'esterno percorsi dedicati alla somministrazione dei tamponi in modalità Drive-in.

«In questi giorni leggiamo spesso che anche gli spazi possono diventare un problema nella gestione di questa emergenza – spiega Simone Dal Sie di Lefim Gruppo Basso – per questo abbiamo deciso di metterci a disposizione dei sistemi sanitari nelle regioni in cui storicamente operiamo. Con questa iniziativa offriamo ambienti idonei ad una cifra puramente simbolica, dettata dall'esigenza di dover comunque ottemperare a tutte le pratiche burocratiche necessarie per la locazione, senza che queste vadano a pesare, in termini di tempo e impegno, sugli operatori sanitari che utilizzeranno gli spazi. Abbiamo già identificato le strutture più adatte nelle regioni di riferimento e siamo pronti a fare, fin da subito, la nostra parte».

Le località in cui sono disponibili idonei spazi per eseguire i tamponi rapidi sono, in provincia di Treviso: zona Lando, Nervesa della Battaglia, Volpago del Montello e Quinto di Treviso (TV)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento