Mostra del premio Carlo Scarpa, alla galleria delle prigioni una nuova installazione

L’opera, curata dall’architetto Tobia Scarpa e da Enrico Bossan e collocata nel cuore di Treviso, intende suggerire il bisogno di una maggiore consapevolezza dell’importanza della cura e della tutela del paesaggio e della città

Tobia Scarpa ed Enrico Bossan

Le Gallerie delle Prigioni di Treviso presentano, da martedì 2 luglio, nella piazzetta antistante il Duomo di Treviso l’installazione “Here in My Garden”, che va ad arricchire “The Ground We Have in Common”, esposizione del “Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino” organizzato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche. Con l’occasione si annuncia il prolungamento della mostra fino al 1° settembre.

Questo nuovo allestimento, concepito per il piccolo spazio espositivo all’aperto, è composto da specchi e foto di grandi dimensioni che ritraggono le coltivazioni del tè di Dazhangshan, il luogo scelto dall’edizione 2019 del Premio Carlo Scarpa, “premio” assegnato ogni anno, dal 1990, a un luogo del mondo particolarmente denso di valori di natura, di memoria e di invenzione. La città si specchia nell’installazione, che restituisce inaspettatamente l’immagine di un luogo naturale e trasforma l’ambiente urbano in un giardino onirico dove le colline del tè diventano protagoniste. Lo spazio pubblico diventa così un paesaggio senza confini, popolato di riflessi e rimandi in cui si muovono i volti dei visitatori. L’opera, curata dall’architetto Tobia Scarpa e da Enrico Bossan e collocata nel cuore di Treviso, intende suggerire il bisogno di una maggiore consapevolezza dell’importanza della cura e della tutela del paesaggio e della città.

“The Ground We Have in Common” è la mostra dedicata alla trentesima edizione del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, che quest’anno vede protagonisti I giardini del tè di Dazhangshan in Cina. Partendo dall’esplorazione del paesaggio di questi giardini, il percorso della mostra, che affianca alla componente documentaria l’esposizione di opere d’arte contemporanea, mette in luce il contesto geografico e architettonico di un territorio che è storicamente il cuore delle coltivazioni della pianta del tè e della produzione della bevanda che ne deriva, la sua valenza storica e culturale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Here in My Garden-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento