menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bomba al K3: "Un attentato alla democrazia, una violazione della libertà di migliaia di persone"

La lettera di Chiara Fraccaro, responsabile del Movimento Giovani Padani di Treviso

TREVISO È sconvolgente quanto accaduto nei giorni scorsi, il movimento giovanile della Lega di Treviso esprime tutta la solidarietà alla Segreteria Provinciale e condanna l’attacco terroristico subito. È ineccepibile il pensiero di fare del male alle forze dell’ordine, le quali quotidianamente sono a servizio e a fianco la gente per proteggerli ed aiutarli, di mettere una bomba per ferire o uccidere queste persone e chi come loro fa del bene, con lo scopo di infondere terrore tra la gente. Questo è il governo rivoluzionario, caratterizzato dal buon senso, da regole, dai fatti e dall’essere concretamente dalla parte dei cittadini; probabilmente questo modus operandi spaventa chi non è in linea con la democrazia e quando chi non è nel giusto si sente minacciato, risponde con la violenza. Un attentato alla democrazia, una violazione della libertà di migliaia di persone che credono in un ideale ed appartengono orgogliosamente ad un partito politico, devono essere seriamente puniti, perché i delinquenti e i violenti nel nostro Paese non potranno avere margini e ragione! Da sempre, la Lega guida i loro giovani con percorsi formativi e politici, esperienze di gruppo dove il dialogo ed il confronto sono alla base di ogni cosa, per dare la possibilità ai ragazzi di capire come funziona il mondo che li circonda, le macchine amministrative, le scelte politiche e molto altro ancora, con il rispetto delle regole e delle gerarchie. Sono elementi essenziali per far funzionare bene una società, provate solo a pensare che tragedia sarebbe un mondo ‘anarchico’ senza regole quindi, senza qualcuno che ti protegge, senza uno stato e tutti i servizi erogati; regnerebbe solo il caos, la distruzione, la violenza e probabilmente la follia. Non possiamo pensare che questo sia il nostro futuro, e che una società evoluta come la nostra si basi su questi pessimi principi, il Movimento dei Giovani Padani di Treviso combatterà questo scempio a fianco della Segreteria Provinciale della Lega con tutte le forze in essere. Sempre in maniera pacifica, ordinata, costruttiva, d’informazione e coinvolgimento e soprattutto con il concetto di Squadra, solo così si potranno continuare a fare grandi cose e deviare ogni malsana e pericolosa azione. Ci auspichiamo inoltre maggiori controlli e pene più severe per coloro che non rispettano le regole e mettono a rischio la vita delle persone; per dimostrare che non ci fanno paura e non ci fermeranno, nei prossimi giorni faremo un direttivo provinciale dei giovani proprio al K3. Unitamente, ai Senjor della Liga Veneta, ci troveremo per discutere dei progetti della nuova stagione, delle azioni da intraprendere, della crescita del movimento e del coinvolgimento di nuovi giovani che hanno ideali, passione, idee, cuore e coraggio per migliorare continuamente il nostro Paese e far sì che fatti così ignobili non accadono più. W la Democrazia, W la Libertà, W la Lega, W San Marco.


Movimento Giovani Padani di Treviso
Chiara Fraccaro Resp. Org. Veneto

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento