menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico in tilt e code: necessario liberalizzare l'autostrada A27

Andrea Zanoni, vicepresidente della Commissione Ambiente ed Infrastrutture del Consiglio regionale del Veneto, rilancia la sua proposta

La situazione traffico a causa del crollo delle rampe del ponte Bailey di Ponte della Priula sta causando una congestione del traffico mai vista prima in tutta la Provincia di Treviso. Si registrano code infinite nelle principali arterie di sbocco del traffico proveniente soprattutto dal ponte di Cimadolmo e Maserada e pure, anche se in misura minore, a quello del ponte di Vidor.

«Servono misure urgenti come quella di consentire ai 30.000 veicoli che quotidianamente transitavano nel ponte messo fuori uso dalla piena del Piave, - ha commentato Andrea Zanoni Vice presidente della Commissione Ambiente ed Infrastrutture del Consiglio regionale del Veneto - di percorrere, incentivandoli con l’esenzione del pedaggio,  l’autostrada A27 nel tratto Conegliano – Treviso Sud. Si tratta, ha proseguito Zanoni,   di 28 chilometri di autostrada da liberalizzare per un mese o due con costi a carico della Regione o dello Stato. Se liberalizzare l’intera A27 da Belluno a Mogliano costa 200 milioni l’anno, liberalizzarne una parte modesta, circa 28 chilometri, per un periodo limitatissimo, uno o due mesi,  non dovrebbe costare più di qualche milione. Se hanno trovato 300 milioni extra per la Pedemontana dovrebbero trovare facilmente anche qualche milione per questa emergenza lavorativa e di traffico. Per sollecitare un intervento immediato, ho depositato un’interrogazione a risposta immediata alla Giunta Zaia, sottoscritta da tutti i colleghi del Gruppo Consigliare del Partito Democratico e dalla collega Cristina Guarda della Lista AMP, con la quale chiedo al Governatore di farsi parte attiva per arrivare ad un accordo in tal senso. Mi auguro che anche  il Ministro Toninelli si faccia avanti in questa partita con la Società Autostrade per giungere presto ad un accordo economico utile allo scopo. Intanto continuo a ricevere richieste di intervento in questo senso da cittadini furiosi ma anche da Consiglieri comunali e assessori della zona preoccupati per questa grave situazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento