menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Migliorini

Luca Migliorini

Dopo 41 anni di servizio Luca Migliorini lascia la Questura di Treviso

Nel corso di questi anni ha organizzato e partecipato ad importanti servizi di ordine pubblico, come "Ritorno a Camelot", raduno internazionale del movimento veneto fronte skinheads, il G8 dell’Agricoltura tenutosi a Cison di Valmarino e tante manifestazioni sportive

Dopo 41 anni  trascorsi al servizio dello Stato, il dott. Luca Migliorini, Primo Dirigente, da giugno “saluta” la Polizia di Stato. Entrato in Polizia nel 1978, l’allora Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza. Venne assegnato al Reparto Celere di Firenze e poi alla Questura di Siena. Superato il corso da Funzionario, il dott. Migliorini, dal 1990 al 1993, ha svolto il suo servizio, con il grado di Vice Commissario, presso la Scuola Allievi di Vicenza per poi essere trasferito alla Questura di Treviso dove è rimasto per 21 anni di cui 12 come Capo di Gabinetto. Nel corso di questi anni ha organizzato e partecipato a importanti servizi di Ordine Pubblico, come “ Ritorno a Camelot”, raduno internazionale del movimento veneto fronte skinheads, il G8 dell’Agricoltura tenutosi a Cison di Valmarino, manifestazioni sportive cui hanno partecipato le squadre del Treviso calcio, basket e rugby, allorquando militavano in serie A e l’ Adunata degli Alpini svoltasi a Treviso nel 2017.

Nel 2009 è stato promosso a  Primo Dirigente e assegnato alla Questura di Belluno e poi a quella di Venezia dove ha ricoperto il ruolo di Capo di Gabinetto. Da cinque anni era ritornato alla Questura di Treviso dove ha diretto la Divisione Anticrimine e poi la Divisione Amministrativa e Sociale. Con grande commozione il dottor Migliorini ha salutato oggi i colleghi funzionari e tutti i dipendenti della Questura che lo hanno accompagnato lavorativamente in tutti questi anni ed è stato ringraziato dal Questore per l’attività svolta nell’Amministrazione della Polizia di Stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento