rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità

Va in pensione il dottor Beraldo, era il decano dei medici di base trevigiani

Col Covid, ha vissuto con coraggio ed impegno le due pesanti ondate, non si è mai risparmiato coi contagiati, si è impegnato per la velocizzazione della campagna vaccinale ed è sempre stato vicino ai suoi affezionati “vecieti” nella casa di riposo di Silea

E’ in pensione dal 1° settembre, il dr. Enrico Beraldo, decano dei medici trevigiani. 68 anni, laureato in medicina e chirurgia a Padova nel 1978, è medico di famiglia dal 1980. Nell’ambulatorio di S. Antonino a Treviso, sta arrivando una pioggia di testimonianze di affetto da parte delle migliaia di pazienti che hanno ricevuto a lettera dell’Azienda sanitaria e che si ritrovano, in molti casi, non solo senza il “loro medico storico” ma anche senza un amico e un angelo custode. L’ambulatorio è gestito dalla dottoressa Carlotta Pantaleoni fino a dicembre e poi il posto andrà assegnato secondo graduatoria a due giovani dottoresse, nel segno del passaggio generazionale.

Beraldo ha vissuto il suo essere “medico di famiglia” con un profondo senso etico e con un attaccamento al lavoro davvero raro. Severo con i pazienti che chiedevano “certificati furbetti” o verso “terapie fai da te viste su internet”, per le urgenze non si è mai risparmiato, accompagnando a casa con umanità e scienza migliaia di pazienti anche nelle fasi terminali della vita. Generoso e filantropo, da appassionato di musica classica ha organizzato vari concerti e raccolte a favore di Advar e Ail, mettendo sempre al centro la salute e la prevenzione. Beraldo ha interpretato a pieno, negli intensi decenni di professione, la figura del “medico condotto” di un tempo, disponibile e attento con tutti, pronto a gestire qualsiasi situazione e patologia, prodigo di consigli e con una parola di speranza per tutti.

In questi quattro decenni, è passato attraverso le grandi rivoluzioni della medicina, dall’uso degli antibiotici all’avvento degli psicofarmaci, alle evoluzioni della chirurgia, ha sempre tenuto ottimi rapporti con i colleghi ospedalieri, cui affidava i propri pazienti confrontandosi. Col Covid, ha vissuto con coraggio ed impegno le due pesanti ondate, non si è mai risparmiato coi contagiati, si è impegnato per la velocizzazione della campagna vaccinale ed è sempre stato vicino ai suoi affezionati “vecieti” nella casa di riposo di Silea, per la quale continuerà a svolgere il ruolo di medico anche dopo il pensionamento.

Beraldo, marito della nota psicologa Teresa Rando, è un esempio che ben interpreta la “professione di aiuto”, oggi così ambita dai tanti studenti che si approcciano al test di medicina proprio in questi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va in pensione il dottor Beraldo, era il decano dei medici di base trevigiani

TrevisoToday è in caricamento