rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

La mostra, 200 anni di carte trevisane

Inaugurata la mostra al Museo di Santa Caterina. Pezzi unici e rari per raccontare una speciale iconografia

E’ stata inaugurata questa mattina, al Museo di Santa Caterina la mostra sulle carte da gioco Venete e Trevisane, nel loro sviluppo iconografico dal 1847 ad oggi: una rassegna di preziosi mazzi storici, spesso rarissimi, che illustra lo sviluppo della tipologia antica, risalente al XIV secolo, e la sua evoluzione fino al modello Trevigiano ancora oggi in uso.  I visitatori potranno apprezzare la rappresentazione delle modifiche dovute ai cambiamenti storici e politici, alle usanze locali e alle “battaglie” commerciali fra diversi produttori italiani. In particolare, verrà raccontata l’evoluzione delle Carte Trevisane stampate a Treviso a partire dalla metà del XIX secolo, con i vari Cartai che si sono succeduti in questo periodo, fino all’apparizione e al consolidamento delle immagini incise da Nani e alla comparsa e allo sviluppo dell’immagine della "Città Turrita" che orna il centro del Re di Bastoni.

La mostra, organizzata da 7bello Cartogiocofilia Italiana e Andrea Piovesan con il Patrocinio del Comune di Treviso, sarà aperta fino al 4 luglio, dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 18. In occasione dell’inaugurazione della mostra è stato presentato il libro di Andrea Piovesan “Carte da Gioco e Cartoleri Trevisani", frutto di approfondite ricerche e connotato da una ricca iconografia. Un volume dedicato all’evoluzione delle Carte Trevisane a doppia testa dall’esordio ai nostri giorni, analizzata senza trascurare i dovuti legami con il modello originario, né la fondamentale opera dei cartai di Treviso. 

«Quella sulle carte trevisane è molto di più di una mostra», sottolinea l’assessore ai Beni Culturali e Turismo della Città di Treviso, Lavinia Colonna Preti. «Per tutti le carte da gioco sono tradizione, convivialità ma soprattutto arte. Attraverso le carte da gioco sono state raccontate epoche ma anche storie del territorio e anche brand: per questo siamo particolarmente orgogliosi di ospitare un’esposizione che vanta pezzi rarissimi e che celebra un’altra eccellenza trevigiana nel mondo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mostra, 200 anni di carte trevisane

TrevisoToday è in caricamento