All'Appiani anche gli uffici del notaio Gianluca Forte

Presso la cittadella della Istituzioni di recente sono stati trasferiti anche gli uffici del Giudice di Pace

TREVISO Dopo l’arrivo degli uffici del Giudice di Pace, nel prossimo autunno il complesso Appiani di Treviso ospiterà anche gli uffici dello Studio del Notaio Gianluca Forte. Il contratto di locazione è stato sottoscritto ieri per una porzione di circa 300 mq, al terzo piano del contenitore M-N, dove è previsto anche l’arrivo di una primaria società con la quale le trattative sono in attesa di conclusione.

“Con queste nuove acquisizioni – ha dichiarato l’amministratore unico della società Appiani 1 Srl, ing. Piero Semenzato - si va a completare l’occupazione di pressoché tutti gli spazi del complesso, in attesa che si giunga alla definizione con la Camera di Commercio”. L’Area Appiani si espande su una superficie di circa 60.000 mq che, fin dalla sua origine, è stata pensata per accogliere, oltre a una porzione di edilizia residenziale e commerciale, anche importanti edifici pubblici, associazioni, studi professionali. Per le sue caratteristiche, il progetto firmato dall’Arch. Mario Botta, ha vinto, nel 2015, il Premio Nazionale di Urbanistica - sezione recupero urbano - alla Triennale di Milano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto frontale sulla Feltrina: due morti, quattro feriti

  • Cronaca

    Infarto sul campo da tennis, assicuratore muore a 48 anni

  • Incidenti stradali

    Scontro frontale tra auto sulla Postumia, quattro feriti

  • Attualità

    Risponde male al titolare su Whatsapp: licenziato

I più letti della settimana

  • Schianto frontale sulla Feltrina: due morti, quattro feriti

  • Aggredita nel parcheggio del Panorama: mamma finisce in ospedale

  • In gita in montagna scivola per un centinaio di metri in un canalone: morto un 18enne

  • Ex miss Padania a processo per furto e ricettazione

  • In corriera senza biglietto: fuggono prendendo a calci controllori e studenti

  • Casa crivellata dai proiettili dei cacciatori, i proprietari: «Potevano ucciderci»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento