rotate-mobile
Attualità Centro

Bidoni dei rifiuti lasciati per strada, scatta l'ordinanza del Comune: multa di 50 euro

L’ordinanza, in vigore da lunedì 11 luglio e valida fino al 31 dicembre, prevede il divieto di lasciare su suolo pubblico o su area privata ad uso pubblico bidoni e bidoncini della raccolta differenziata di rifiuti dopo lo svuotamento degli stessi

Un'ordinanza anti-degrado per evitare che i bidoncini per la raccolta differenziata, una volta scuotati, vengano lasciati per strada dai cittadini: si tratta purtroppo di un malcostume diffuso su cui Ca' Sugana ha deciso di colpire con un giro di vite. Così ha infatti spiegato il sindaco Mario Conte in mattinata: «Questa mattina ho firmato un'ordinanza per garantire il corretto utilizzo dei bidoncini della raccolta differenziata, disponendo l'obbligo di ritiro entro le 24 ore dallo svuotamento. Il provvedimento nasce dai rilievi del Nucleo Antidegrado della Polizia Locale di Treviso e dalle segnalazioni dei cittadini: in alcune zone della città vengono lasciati anche per molti giorni i bidoni su strade, marciapiedi e altre aree pubbliche i contenitori dei rifiuti domestici. Una cattiva abitudine che comporta intralcio alla circolazione, conseguenze igienico sanitarie e odori sgradevoli, viste le alte temperature di queste settimane».

Cosa prevede l'ordinanza

L’ordinanza, in vigore da lunedì 11 luglio e valida fino al 31 dicembre 2022, prevede il divieto di lasciare su suolo pubblico o su area privata ad uso pubblico bidoni e bidoncini della raccolta differenziata di rifiuti dopo lo svuotamento degli stessi. Dopo 24 ore dal primo controllo da parte degli organi di vigilanza, il titolare del contenitore sarà destinatario di una multa da 50 euro. Inoltre, oltre le 24 ore dal mancato ritiro, potrà essere applicata la sanzione accessoria della rimozione degli stessi con spese a carico del titolare.

«L’obiettivo non è quello di staccare verbali -rassicura Conte- ma di rendere la città vivibile e pulita, prevenendo le situazioni di incuria. La maggior parte dei cittadini fa un corretto utilizzo dei bidoni: con questo provvedimento puntiamo a convincere anche chi è meno attento o comunque non valuta i risvolti igienico-sanitari del mancato ritiro quotidiano».

«In accordo con il sindaco Mario Conte abbiamo deciso di predisporre un’ordinanza ai sensi dell’articolo 50 del TUEL», afferma il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Vogliamo infatti sensibilizzare la cittadinanza al decoro e al corretto utilizzo dei contenitori. Per questo motivo, una volta rilevata l’inosservanza, verrà apposto un adesivo sul contenitore che avverte l’utente che la mancata rimozione dopo lo svuotamento comporta una sanzione di 50 euro. Inoltre, a seguito di consultazioni con l’assessore alle Politiche Ambientali Manera, è prevista la rimozione del bidoncino se questo viene abbandonato oltre le 24 ore dal primo controllo».

SCARICA E LEGGI L'ORDINANZA

«Credo fermamente sia un'ordinanza utile e necessaria per il decoro e la pulizia della città -ha spiegato il consigliere comunale Davide Acampora- che mi ha trovato favorevole sin da subito. Possiamo discutere quanto vogliamo se il "sistema Contarina" ci piaccia o meno, fatto sta che ormai non è più possibile cambiarlo per molti anni e che dobbiamo cercare di ottenere il meglio da questo. Con un piccolo sforzo e maggior responsabilità da parte di tutti potremo rendere le nostre strade e le piazze più decorose e pulite».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bidoni dei rifiuti lasciati per strada, scatta l'ordinanza del Comune: multa di 50 euro

TrevisoToday è in caricamento