rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

Ottobre rosa della Lilt, la "Teresona" si colora di rosa

Venerdì la tavola rotonda dal titolo “Diagnosi precoce del tumore al seno nel tempo della pandemia da Covid”

Si è aperta venerdì al Palazzo dei Trecento, la Campagna Nastro Rosa promossa dalla LILT, con una tavola rotonda dal titolo “Diagnosi precoce del tumore al seno nel tempo della pandemia da Covid”, moderata dalla giornalista televisiva Marta Marangon. L’evento si è svolto in presenza, nella Sala Consiliare con i posti concessi dalle normative Covid interamente occupati. Dopo la presentazione della Campagna da parte del Presidente della LILT dottor Alessandro Gava e i saluti da parte dell’assessore Gloria Tessarolo che ha portato i saluti del Comune di Treviso, sono intervenuti il dottor Paolo Burelli Direttore della Breast Unit, il dottor Giorgio Berna Direttore della Chirurgia Plastica, la dottoressa Claudia Weiss responsabile della Radiologia del Centro di Senologia. I medici hanno illustrato le novità nel campo della diagnosi e cura e le strategie messe in atto per la cura delle pazienti durante il difficile periodo della pandemia.

WhatsApp Image 2021-10-02 at 15.25.32-2

Le psicologhe della LILT Tiziana Calligaris e Elena Daniel si sono soffermate sulle difficoltà incontrate dalle donne che si sono sentite più sole ad affrontare il percorso di cura e come loro hanno cercato di dare supporto psicologico e di stimolare le risorse per far fonte alla malattia. La presidente della Consulta femminile della LILT professoressa Nelly Mantovani ha illustrato le attività della Associazione nel periodo della pandemia e Il dottor Christian Rizzetto ha infine presentato le iniziative della LILT nel territorio durante il mese di ottobre. Al termine della tavola rotonda i dirigenti della Casa di cura Giovanni XXIII di Monastier hanno consegnato anche quest’anno un assegno di 5000 euro, frutto di una percentuale delle mammografie eseguite nel loro centro, come contributo alla Campagna. Alle 19.30 la tradizionale illuminazione in rosa della Teresona di Piazza Indipendenza, per ricordare durante tutto il mese che la prevenzione e la diagnosi precoce salvano la vita.

L'evento ha visto anche la consegna, al termine della tavola rotonda, dell'assegno di 5000 euro da parte della Casa di Cura "Giovanni XXIII" di Monastier che per 6° anno consecutivo si affianca alla campagna di prevenzione della Lilt trevigiana. Matteo Geretto Responsabile Sviluppo e Comunicazione ha commentato: «Per il 6° anno consecutivo siamo assieme alla LILT per portare un messaggio di sensibilizzazione  per la prevenzione del tumore al seno che colpisce donne sempre più giovani  ma che grazie alla diagnosi precoce può essere preso in tempo. Questi 5 mila euro sono un piccolo dono che ha però un grande significato perché è il frutto di parte del ricavato degli screening effettuati nei mesi scorsi al Giovanni XXIII - Continua Matteo Geretto - Sono quindi le donne che con la loro prevenzione incentivano altre donne a continuare sulla strada della salvaguardia della salute perchè sappiamo che la LILT di Treviso, con questo contributo supporterà tanti progetti importanti per le donne in difficoltà. Oggi è stata illuminata di rosa la Teresona a Treviso ma anche la Casa di Cura Giovanni XXIII, durante tutto il mese di ottobre si illuminerà di rosa  per "accendere" i riflettori sull'importanza della prevenzione».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ottobre rosa della Lilt, la "Teresona" si colora di rosa

TrevisoToday è in caricamento