menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il taglio del nastro

Il taglio del nastro

Alla "Salsa" un polmone verde, inaugurato intanto il parco "Eolo"

«Apriremo un varco tra la caserma e il quartiere»: promette il sindaco, Mario Conte, durante il taglio del nastro della nuova area sorta nel quartiere di Santa Maria del Rovere. Spazio a basket, palestra all'aperto e skaters. Creato anche un punto di ristoro che sarà gestito da una cooperativa

Il piazzale principale dell'ex caserma Salsa, dove troveranno in futuro spazio la nuova sede della Guardia di Finanza, l'Agenzia delle Entrate ma anche associazioni e forse alcune start-up, diventerà un nuovo polmone verde per il quartiere di Santa Maria del Rovere. Un'area aperta a tutti i cittadini. «Apriremo un varco tra la caserma e il quartiere»: promette il sindaco, Mario Conte che oggi, venerdì 18 dicembre, ha partecipato, con l'assessore Sandro Zampese, al taglio del nastro, avvenuto nella mattinata di oggi, venerdì 18 dicembre, del nuovo parco "Eolo", nuova area sorta nel quartiere e che è solo la prima di una serie di opere che andranno a rivoluzionare la zona (oltre appunto al recupero della "Salsa").

All'Eolo un tempo sorgeva un campo di calcio, da tempo dismesso, utilizzato da alcune gloriose società trevigiane del passato. Oggi dove c'erano il terreno di gioco e gli spogliatori (in passato si era paventata la creazione di un parcheggio scambiatore, ipotesi fortunatamente poi scartata) ha trovato posto una struttura che comprende un campo da basket, una rampa dedicata agli skaters, una palestra all'aperto, un'altalena tripla, un gioco per bambini "inclusivo" (disponibile anche ai diversamente abili) e un'area verde (con alcune dune di terreno che faranno da spalti naturali), oltre ad un chiosco che servirà da area ristoro e sarà gestito da una cooperativa. Il parco, per motivi di sicurezza, sarà dotato di un sofisticato impianto di videosorveglianza. Il costo dell'opera è stato di circa 715mila euro. I cancelli saranno aperti dalla mattina alla sera. I cani saranno ammessi ma solo al guinzaglio; il parco sarà infatti dedicato anche ad anziani e bambini, oltre che ai giovani. Ad applaudire all'opera di Ca' Sugana anche la signora Lena, promotrice in passato di un comitato che riunisce alcuni residenti della vicina via Rota e che tanto si è battuta negli ultimi anni per la realizzazione del progetto dell'area verde nel quartiere.

Si tratta della prima opera avviata e conclusa grazie al primo bando periferie, risalente a tre anni or sono (all'epoca della precedente amministrazione guidata da Giovanni Manildo) ma per Santa Maria del Rovere è solo l'inizio: a breve si concluderanno i lavori in zona Acquette mentre sono in corso quelli destinati a cambiare il volto di piazza Martiri di Belfiore. Ma lo sguardo al futuro è ovviamente puntato all'ex caserma Salsa, quello che a lungo è stato un vero e proprio "buco nero". «La prima importante spesa sarà una grande pulizia dell'area»: ha spiegato Conte. Poi i lavori per il recupero degli edifici che si trovano all'interno dell'area potranno finalmente partire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento