Lavori di manutenzione al parco dello Storga: la primavera può iniziare

Nella prima settimana gli interventi effettuati dagli operatori del Servizio Forestale sono consistiti sostanzialmente in una serie di pulizie del sottobosco e decespugliamento dei camminamenti

I lavori di disboscamento

Come da programma concordato gli operatori del Servizio Forestale Regionale stanno completando una serie di interventi boschivi sul Parco della Storga mirati soprattutto a riportare la transitabilità e la fruibilità di percorsi e camminamenti resi impraticabili dalla folta vegetazione sviluppatasi nel corso del tempo, in prosecuzione degli interventi già realizzati nel periodo novembre 2017/gennaio 2018. «Sulla base degli accordi -dichiara il Presidente della Provincia Stefano Marcon- l'intervento era stato programmato nel periodo dal 4 febbraio al 1 marzo 2019, nel momento quindi più adatto per operazioni di questo genere in quanto è assente ogni sviluppo vegetativo e la fauna è a riposo».

Lavori programmati ed in esecuzione:
1) nella prima settimana gli interventi effettuati dagli operatori del Servizio Forestale sono consistiti sostanzialmente in una serie di pulizie del sottobosco e decespugliamento dei camminamenti soprattutto nella parte sud-ovest del parco (lato Via Cal di Breda/Ferrovia) mediante la messa in sicurezza di alcune alberature che costituivano pericolo per la pubblica incolumità;
2) dal giorno 11 febbraio invece i lavori si sono concentrati esclusivamente sulla zona cosiddetta dei "prati stabili" (vedi planimetria allegata) che grazie al noleggio di particolari macchinari e attrezzatura con costi a carico dell'Amministrazione Provinciale,  è stata pulita da una folta e intricata vegetazione costituita essenzialmente da roveti di diversa altezza e dimensione tanto da rendere impraticabile ogni accesso
«che ora invece -esprime con soddisfazione il Presidente- grazie a queste operazioni,  viene resa nuovamente fruibile ai cittadini e nel corso dei lavori si è provveduto anche al taglio di alcune alberature che si erano rese pericolose a causa, sia del fine ciclo vegetativo della pianta stessa, che di sradicamento a seguito di eventi meteorologici avversi».

«Durante questa settimana -confida con ottimismo Marcon- sempre che le condizioni meteorologiche restino favorevoli, i lavori saranno completati nella parte sud-est delle aree contrassegnate in planimetria. Ricordo che mediamente sul posto sono presenti dalle 4/5 unità di personale tecnico del Servizio Forestale direttamente coordinati dai funzionari del Servizio Forestale stesso, con il supporto logistico del personale provinciale incaricato e ringrazio tutti per il prezioso lavoro di collaborazione. Nel prossimo mese di ottobre è previsto un intervento con la realizzazione di due passerelle in legno in maniera da  completare  il collegamento e camminamento attraverso il cancello  retrostante la sede provinciale con l’area delle Case Piavone e il Museo Etnografico».

Stato post-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Suicida a 44 anni, indagato il marito per maltrattamenti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento