rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Attualità

Pinarello, c'è l'interesse di fondi finanziari per una nuova acquisizione

Fausto, che detiene una quota di minoranza dopo l'acquisto nel 2016 da parte della L Catterton, invita però alla prudenza: «Nulla è stato messo sul tavolo in termini di offerta concreta»

«Nulla è stato messo sul tavolo in termini di offerta concreta, è chiaro però che il settore della bicicletta sta avendo un forte impulso a livello economico». Così Fausto Pinarello sulle notizie, apparse oggi, 11 dicembre, sulla stampa locale, di una possibile nuova cessione dell'azienda, attualmente di proprietà del fondo L Catterton. «E' logico - dice  - che i fondi siano interessati all'acquisto del marchio trevigiano così come di altri marchi. C'è da sottolineare anche che i fondi acquisiscono i marchi, rimangono all'interno delle aziende alcuni anni, li rilanciano, aumentano le vendite e poi cercano altri lidi nei quali investire. Il marchio Pinarello in particolare  ha un grande appeal. Si è investito molto nella ricerca tecnologica, nel rendere performanti le biciclette, nel renderle dinamiche anche nel design. Stiamo vendendo molto anche all'estero e le imprese dei nostri corridori, sia su strada che nel fuoristrada creano ancora più interesse intorno alla nostra azienda. Innovare è ormai la parola d'ordine e questo ci fa diventare appetibili».

Il brand era stato acquisito dal fondo L Catterton nel 2016, con Fausto Pinarello che aveva mantenuto una quota di minoranza. Grazie agli investimenti e alla ricerca tecnologica, sfociata a metà ottobre grazie alla collaborazione con Ineos nel record dell'ora di Filippo Ganna, il marchio veneto ha superato i 90 milioni di fatturato. Il tutto nonostante la pandemia, che, anzi, ha incentivato il mondo della bicicletta e nel caso di Pinarello, aumentato le vendite estere.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pinarello, c'è l'interesse di fondi finanziari per una nuova acquisizione

TrevisoToday è in caricamento