Maggio piovoso, il Comune rimborsa a bar e ristoranti il costo del plateatico

Dania Sartorato, Fipe Confcommercio, plaude al provvedimento di Ca' Sugana: «Finalmente il riconoscimento dell’impatto del maltempo sui consumi reali»

Un plateatico in città

«Il mese di maggio, purtroppo, è stato martoriato dalla pioggia e le attività cittadine non hanno potuto utilizzare i plateatici che avevano pagato. Stiamo pensando ad una soluzione sul versante della fiscalità comunale con uno sconto sul plateatico nel 2020 per sostenere il tessuto produttivo, danneggiato da una primavera piuttosto difficile»: con queste parole il sindaco di Treviso, Mario Conte, annuncia che Ca' Sugana provvederà a ristorare bar e ristoranti del danno subito a causa del maltempo.

«Al Comune di Treviso va il nostro plauso per il rimborso sui dehors, e l’auspicio -afferma Dania Sartorato, presidente di Fipe-Confcommercio- è che anche gli altri Comuni prendano spunto da questa iniziativa per attuare delibere analoghe, sia in forma di rimborso per il prossimo anno o di bonus.  Il maltempo c’è stato dappertutto e la categoria ha subito danni ovunque, non solo a Treviso. I mesi di pioggia sono stati due, praticamente ininterrotti, ed hanno  inciso pesantemente sui consumi e sull’economia, facendo dimenticare la primavera. Basta ricordare anche i danni subiti dai commercianti di moda, per i quali Fidimpresa ha predisposto un apposito finanziamento. La variabile tempo incide sull’economia, e se ne deve tener conto a tutti i livelli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento