rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Attualità

Privatizzazione di Poste Italiane, sindacati in allarme: «Sportelli e servizi a rischio»

Al via martedì 7 maggio le assemblee del sindacato Cisl Slp con i lavoratori delle Poste trevigiani e bellunesi. In provincia di Treviso operano circa 1300 dipendenti tra i 185 uffici postali e i 10 centri di recapito

Cresce la preoccupazione della Cisl Slp rispetto alla privatizzazione di Poste Italiane. Secondo il Sindacato dei lavoratori delle poste della Cisl, il processo di cessione sul mercato di una parte delle quote, così come prevista dal Governo, è destinata ad avere un impatto negativo sui territori, con la chiusura degli uffici postali nelle frazioni e nei piccoli comuni e il taglio sui portalettere.

La delicata questione sarà al centro di un fitto ciclo di assemblee sindacali convocate dalla Cisl Slp, Uil Poste e Cgil Slc e che, a partire da oggi e per tutto il mese di maggio, coinvolgeranno i lavoratori e le lavoratrici dei principali uffici postali delle province di Treviso e Belluno. Nella Marca, le assemblee si svolgeranno mercoledì 8 dalle 8 alle 9.30 nella sala comunale Campolongo Destra a Conegliano e al cinema Turroni di Motta di Livenza dalle 12.30 alle 14; giovedì 9 dalle 8 alle 9.30 al centro parrocchiale don Bordignon di Castelfranco e nella sala parrocchiale di San Zeno a Treviso dalle 12.30 alle 14. La mobilitazione dei lavoratori e delle lavoratrici sfocerà in una manifestazione regionale a Venezia il 18 maggio.

Il commento

«Il Governo ha recentemente annunciato la vendita, per noi svendita, di una ulteriore quota azionaria di Poste Italiane, una scelta strategica che potrebbe segnare il passaggio della proprietà del Gruppo dalla mano pubblica a quella privata - spiega Marco Pertile, segretario generale della Cisl Slp -. Se le quote azionarie oggi in possesso del MEF fossero cedute e collocate sul mercato, si determinerebbe, appunto, la perdita del controllo pubblico e si ridurrebbero le restrizioni imposte al management per garantire alla collettività un servizio ad alta valenza sociale. Si assisterebbe a un arretramento dei presidi territoriali, alla chiusura di uffici e ad un graduale disinteresse per lo svolgimento del servizio universale, a discapito delle fasce più deboli e marginali della società. In sostanza, una vera e propria svendita di Stato. Si dismette - prosegue Pertile - un ulteriore asset strategico per il nostro Paese al fine di incamerare poco più di tre miliardi di euro, una goccia nell’oceano di un debito pubblico oramai fuori da ogni ragionevole controllo, una cessione per nulla funzionale al rispetto dei vincoli di finanza pubblica a cui il Governo è tenuto. Poste Italiane svolge un servizio a vocazione sociale per i cittadini, garantendo uffici postali aperti e consegna della posta su tutti i territori, anche quelli più disagiati. Con la vendita ulteriore delle quote azionarie, l'obiettivo del profitto si sostituirà sempre di più alla missione sociale che questa azienda ha sempre avuto».

Marco Pertile-min

Il rischio per i territori è quello di perdere tra il 15 e il 20% degli uffici postali, in particolare quelli nelle frazioni, aperti magari solo un paio di giorni alla settimana: ciò che rappresenta un servizio fondamentale per la popolazione anziana diventerebbe semplicemente una perdita per un’azienda privata. Due esempi su tutti: l’ufficio postale di Meano di Santa Giustina, in provincia di Belluno, aperto un giorno alla settimana e quello di Montaner, frazione di Sarmede, nella Marca, sempre un giorno di attività alla settimana. «Se si privatizza - sottolinea Pertile - verrà a mancare l’interesse pubblico a mantenere i piccoli uffici del territorio, in particolare nel bellunese, e il riischio concreto è che si taglino servizi, inclusa la consegna della corrispondenza, e che si chiudano uffici, laddove si ravvisi improduttività». Nel mirino della Slp anche il Piano industriale 2024-2028 recentemente presentato da Poste Italiane. «È evidentemente orientato - spiega Pertile - alla trasformazione degli uffici postali da servizio al cliente a struttura commerciale che vende servizi per avere guadagno: si tratta di un mutamento profondo per un’azienda con 150 anni di storia sulle spalle, nata per portare le lettere nelle case degli italiani, e oggi destinata a trasformarsi in una banca». Il sindacato delle poste della Cisl esprime anche dubbi relativi all’occupazione, dato che il Piano presentato prevede anche un taglio occupazionale. «Contiamo di discuterne a livello nazionale - conclude Pertile -, certo è che tagli lineari al personale non saranno accettati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Privatizzazione di Poste Italiane, sindacati in allarme: «Sportelli e servizi a rischio»

TrevisoToday è in caricamento