menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Questore di Treviso, Vito Montaruli

Il Questore di Treviso, Vito Montaruli

L'appello del Questore: «Prima segnalate alla polizia, poi scrivetelo su Facebook»

Vito Montaruli si presenta e chiede aiuto ai cittadini. La sua "ricetta" per combattere i furti: georeferenziazione dei reati in città, studi di orari e abitudini della popolazione, aumento delle misure di prevenzione

Primo giorno di lavoro per il nuovo Questore di Treviso, Vito Montaruli che ha preso il posto di Maurizio Dalle Mura. L'ex numero uno della polizia trevigiana curiosamente ha preso il suo posto alla guida della Questura di Lucca. Montaruli, con esperienze nell'ultimo decennio nelle Questure di Vibo Valentia, Lecce (in entrambe le realtà come Vicario) e Lucca appunto (come Questore si è occupato del concerto dei Rolling Stones del 2017 e del G7 dei ministri degli affari esteri), si è presentato, chiedendo fin da subito aiuto e collaborazione ai cittadini trevigiani per prevenire e segnalare i reati. 

«Prima chiamate la polizia e poi scrivete su Facebook»: ha detto Montaruli a chiare lettere. La sua "ricetta" per combattere i furti, la principale problematica dei cittadini trevigiani, appare molto chiara e quasi scientifica: georeferenziazione dei reati in città, studiando così le zone più calde che necessitano di un intervento più vigoroso, un preciso studio su orari e abitudini della popolazione e un aumento delle misure di prevenzione oltre ad una maggiore collaborazione con i cittadini. «Siamo al servizio dei cittadini»: ha detto Montaruli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VITO MONTARULI, ECCO LA SUA CARRIERA Laureato in Giurisprudenza, Vito Montaruli ha conseguito anche il titolo di specialista in Scienze delle Autonomie Costituzionali e la laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni;  è abilitato all’esercizio della professione forense. E’ coniugato con due figli. Entrato in amministrazione nel 1987, è stato subito impegnato nella lotta ai sequestri di persona, fenomeno drammatico che ebbe in quegli anni epicentro in Calabria. Trasferito alla Questura di Matera, ha diretto i Commissariati di Pisticci e Scanzano, coordinando numerosi servizi in materia di traffico di sostanze stupefacenti nel metapontino ed attività investigative finalizzate alla cattura di latitanti. La sua esperienza nel capoluogo materano si è conclusa con la direzione della Digos. Promosso alla qualifica di Primo Dirigente nel 2003 in seguito a concorso interno, è stato dapprima assegnato alla Questura di Parma, dove ha diretto la Divisione Polizia Anticrimine, coordinando vari servizi di ordine pubblico riguardanti  incontri di calcio in serie A, nelle competizioni internazionali e  anche della Nazionale. In seguito è stato in servizio alla Questura di Potenza, sempre con l’incarico di Dirigente della Divisione Polizia Anticrimine, dove ha dato particolare impulso al settore delle misure di prevenzione.

Acquisisce le funzioni di Vicario del Questore a Vibo Valentia nel 2008, ritornando dopo molti anni in un’area territoriale colpita gravemente dalla criminalità organizzata. E’ stato Vicario del Questore a Lecce dal 2012, dove si è occupato principalmente della gestione dell’ordine pubblico assumendo, tra l’altro, la responsabilità del Gruppo Operativo di Sicurezza per lo stadio “Via del Mare”. Il dott. Montaruli ha accompagnato la sua attività di servizio con frequenti approfondimenti, pubblicati su riviste specialistiche, circa questioni di carattere giuridico o professionale in materia di procedimento amministrativo, trattamento dei dati personali, polizia amministrativa, rapporti tra Convenzione Europea dei Diritti dell’uomo e ordinamento italiano, legislazione antimafia e di polizia. Collabora con “Rivista di Polizia”, periodico sul quale ha pubblicato vari articoli, tra l’altro, relativi  ai provvedimenti di espulsione degli stranieri per motivi di ordine pubblico o terrorismo e alla chiusura di esercizi pubblici ai sensi dell’art. 100 del TULPS.

E’ stato coautore del volume “I contratti pubblici nella legislazione antimafia” ed è autore del testo “Lo scioglimento degli organi elettivi degli enti locali per infiltrazioni della criminalità organizzata”. Con decorrenza primo gennaio 2016 è stato nominato Dirigente Superiore della Polizia di Stato dal Consiglio di Amministrazione del Ministero dell’Interno. Da 1° marzo 2017 assume la direzione della Questura della provincia di Lucca, dove ha iniziato la sua attività con la pianificazione dei complessi servizi realizzati per il vertice per dei Ministri degli Affari Esteri per il G7e del successivo incontro con gli omologhi rappresentanti dei più importanti Paesi Arabi. Di notevole rilievo anche l’approntamento del dispositivo di sicurezza per lo storico concerto dei Rolling Stones sotto le Mura della città, con la partecipazione di  oltr 50.000 spettatori. Notevole l’impegno profuso anche nel campo del contrasto alla criminalità predatoria, dove sono stati conseguiti notevoli successi operativi, anche in occasione dei servizi di controllo del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento