rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità

Riapertura scuola, l'allarme del sindacato Snals

Per Salvatore Auci, segretario provinciale di Treviso, gran parte della scuole della Marca non domani, lunedì 10 gennaio, non potranno aprire in sicurezza e normalità

«Vista la gravità della situazione contagi, medici, personale della scuola e responsabili politici territoriali lanciano il grido di allarme già da alcuni giorni, mentre Governo e Ministro Bianchi a tutti i costi vogliono aprire le scuole». A dirlo è Salvatore Auci, segretario provinciale di Treviso del sindacato Snals. 

«Tutti - prosegue Auci in una nota diffusa oggi, domenica 10 gennaio - siamo consapevoli che la maggior parte delle scuole della provincia di Treviso non riapriranno in piena normalità e in sicurezza a causa delle malattie e delle quarantene del personale scolastico, delle malattie e delle quarantenne degli studenti, della mancanza di mascherine FFP2 da utilizzare all'interno delle classi super affollate, delle difficoltà se non impossibilità di applicazione delle nuove norme anticovid, tra l'altro di dubbio fondamento scientifico. Sicuramente moltissime classi delle scuole della provincia andranno in DAD o in didattica mista per necessità».

«Lo Snals di Treviso - puntualizza  - insiste per un ripensamento del Governo o, in alternativa, per una presa di posizione responsabile da parte del Presidente Zaia, come avvenuto in Campania con De Luca. Per lo Snals non è possibile continuare a tamponare gravi situazioni di emergenza che è facile prevedere per cercare almeno di contenere. E' ora di mettere un po' di ordine nel marasma di norme (decine di DPCM, Decreti legge e circolari ministeriali avviluppati tra loro e  illeggibili utili a creare confusione) che continuamente mettono in discussione quanto previsto in precedenza, perché non è possibile rispettare norme se non è chiaro quali siano quelle vigenti riguardo la sicurezza concernente la pandemia da Covid-19».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura scuola, l'allarme del sindacato Snals

TrevisoToday è in caricamento