Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Road to Rome, il nuovo progetto di Bernardo Bernardini

 

Il Presidente di 4ALL Andrea Vidotti ha raccontato la storia di Bernardo che il 19 luglio 1996 per un incidente aereo si è ritrovato in un letto di ospedale con due vertebre spezzate e con la prospettiva di non camminare più. 15 anni di fisioterapia e di determinazione hanno fatto sì che Bernardo non solo sia tornato a camminare con dei tutori speciali ma si sia dedicato alle gare di triathlon con i normodotati. Lo scorso anno, a settembre, Bernardo aveva fatto un tour in bicicletta da Treviso a Roma, accolto da Giusy Versace, a Montecitorio per portare un messaggio di inclusione tra disabili e normodotati. Poi l’evento di duathlon organizzato all’aeroporto militare di Istrana dove hanno gareggiato disabili e normodotati ed è stata raccolta una cifra utilizzata per la costruzione di un parco giochi inclusivo. 

Quest’anno la volontà era quella di andare in bicicletta a Bruxelles per incontrare dei parlamentari europei portando un messaggio di speranza ma, a causa dell’emergenza sanitaria, si è deciso di tornare a Roma per un tour pieno di significati, anche spirituali. Importante il supporto di CentroMarca Banca Credito Cooperativo di TV e VE, Pinarello, Fizik, Rudy Project, Electrolux, Synergie, Mib Università di Trieste.

«Il progetto di Bernardo Bernardini è difficile ma allo stesso entusiasmante e viene da un giovane che ha creduto nelle sue potenzialità perché si è sempre creato degli obiettivi -ha detto il Vice Presidente di CentroMarca Banca Elio Tronchin durante la presentazione-E’ la dimostrazione che ciò per cui lottiamo e crediamo si può raggiungere. Basta avere costanza e forza, senza mai perdersi di coraggio. In questo viaggio saremo virtualmente al suo fianco come lo siamo da sempre per chiunque abbia degli obiettivi importanti. La nostra mission è infatti quella di stare vicini alle persone attraverso il contatto diretto, riuscendo così a cogliere quelli che sono i bisogni e le carenze ma anche le risorse e le potenzialità del tessuto sociale in cui operiamo per continuare a portare ogni giorno miglioramenti alla qualità delle vite delle persone».

«La mia volontà - ha detto Bernardo Bernardini - è quella di dimostrare che la disabilità non è un limite ma anzi può essere motivo di ispirazione per superare le difficoltà che abbiamo vissuto per il Covid 19».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento