Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid-19 e scuola, pronta la task force anti-contagio

Nominati dall'Ulss 2 i referenti, medici e assistenti sanitari, che saranno a disposizione degli istituti. Nel primo giorno di scuola trenta telefonate dagli istituti per richieste di informazioni ma nessun caso di contagio. Focolai in azienda: mercoledì test all'Aia, giovedì all'Electrolux. Sarà applicato il modello-"Serena"

 

Una trentina di telefonate ai centralini dell'Ulss 2 dagli istituti della Marca, per richiedere informazioni, ma nessun caso sospetto riconducibile al Covid-19. E' iniziato senza contrattempi l'anno scolastico di alunni e studenti trevigiani ma è innegabile che con la riapertura degli istituti si apra un nuovo fronte nella lotta alla diffusione del virus nella nostra provincia. L'Ulss 2 lavorerà fianco a fianco con gli istituti per isolare gli eventuali casi di positività, tracciare i contatti ed eseguire i test rapidi ed eventualmente i tamponi. Il protocollo è molto chiaro. Nel caso in cui lo studente presentasse i sintomi del Coronavirus sarà accompagnato in una stanza apposità, presente in ogni istituto, in attesa dell'arrivo dei genitori. Sarà poi avvisato il pediatra che potrà disporre il tampone e, in caso di positività, scatterà l'isolamento per la persona positiva e i suoi contatti stretti.

Sono già stati intanto nominati i referenti Covid-19 per la scuola (medico e assistente sanitario), suddivisi per la varie zone dell'Ulss 2 (saranno operativi dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 16, e il sabato dalle 8 alle 13): per l'area di Treviso Nord d.sse Cibin e Mattiuzzo, per Treviso sud d.sse Perinotto e Giuga, per Pieve di Soligo d.sse Chermaz e Polese, Asolo d.sse Bertipaglia e indiano. Nei giorni scorsi i vertici della sanità regionali, in particolare la d.ssa Russo e il dottor Roberto Rigoli, hanno incontrato i rappresentanti dei pediatri per la possibile introduzione del tampone rapido. «Terreno lo stesso grado di attenzione tenuto nel corso dei centri estivi, durante i quali non si sono verificati casi di contagio»: ha sottolineato il direttore generale, Francesco Benazzi. L'auspicio è quello di mettere a disposizione, anche il sabato e la domenica, un laboratorio (attiguo alla pediatria ma con un percorso dedicato per evitare eventauli contatti) per i tamponi rapidi dedicato alla scuola.

Insegnanti e personale scolastico: oltre 11mila sottoposti a test

Sono stati testati nelle scorse settimane 11.460 sui 18mila insegnanti: su 7.024 sierologici sono state solo 296 le positività e appena 2 i positivi al successivo tampone, entrambi asintomatici. Alcuni numeri dei tamponi ad accesso libero eseguiti dal 15 agosto al 13 settembre: 28.602 eseguiti, 18.696 per persone vicine o contatti dei positivi e 10.522 per persone di rientro da vacanze all'estero (la stragrande maggioranza dalla Croazia, oltre il 72%).

Covid-19 in azienda, mercoledì e giovedì test nei focolai Aia ed Electrolux

Prosegue la campagna di test rapidi nelle aziende. Mercoledì toccherà all'Aia di Vazzola dove si sono già negativizzati 85 dei 171 inizialmente trovati positivi (476 le persone sottoposte a test). Giovedì sarà la volta dell'Electrolux dove saranno sottoposti al test ben 700 operai: sono ben 5 i casi di positività riscontrati (tra cui un operaio con parente che lavora all'Aia)

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento