menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio, anche nella Marca scatta l'operazione "scuole sicure"

Mercoledì presso la Prefettura di Treviso vertice tra i rappresentanti dei Comuni che ospitano i principali istituti della provincia, il provveditore agli Studi e le forze dell'ordine

TREVISO Anche nella Marca scatta l'operazione "scuole sicure", voluta dal ministro degli Interni Salvini per contrastare lo spaccio di droghe in classe e nei pressi degli istituti scolastici. Nel corso della mattinata di mercoledì si è tenuta una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica a cui hanno preso parte le forze dell'ordine, il dirigente dell’ufficio scolastico territoriale, anche i rappresentanti dei Comuni di Treviso, Castelfranco Veneto, Conegliano, Mogliano Veneto, Montebelluna, Motta di Livenza, Oderzo, Paese, Villorba, Vittorio Veneto, territori in cui si trovano i maggiori istituti scolastici provinciali. Il Prefetto di Treviso, Maria Rosaria Laganà, ha in apertura illustrato la direttiva ministeriale la quale, nel rilevare il sentimento di allarme che desta lo spaccio di stupefacenti nei pressi delle scuole, intende contrastare un fenomeno che arreca pericolo alla salute dei giovani e costituisce al contempo una fonte di arricchimento per la criminalità organizzata.

"Infatti, a livello nazionale il consumo di sostanze stupefacenti -si legge in un comunicato emesso dalla Prefettura di Treviso- continua a segnare un incremento oltrechè un abbassamento dell’età di primo consumo. Sulla base di tali considerazioni si è proceduto, da parte dei rappresentanti delle comunità locali, ad una approfondita analisi della problematica nel territorio dalla quale è emerso che il fenomeno è presente ovunque benchè con intensità e modalità differenziate. Numerose e meritorie sono le iniziative in corso che gli enti locali stanno sviluppando, d’intesa con i Dirigenti degli Istituti e le Forze di Polizia, al fine di fornire ai giovani corrette informazioni sugli effetti nocivi per la salute e sulle conseguenze anche giuridiche scaturenti dall’uso personale che, benchè non costituisca reato, è un illecito amministrativo sanzionato dall’art. 75 del DPR 309/90. I vertici delle Forze di Polizia ed il Dirigente dell’Ufficio scolastico hanno confermato il costante impegno e le iniziative, in atto già da tempo, sul terreno della prevenzione, attraverso incontri di operatori specializzati con gli studenti, volti alla corretta informazione sugli effetti del consumo di sostanze stupefacenti. Tali incontri hanno finora avuto il duplice obiettivo di “parlare agli studenti con linguaggio semplice ed alla portata di tutti sulla nocività del consumo”, anche per gli effetti indotti, di responsabilizzare i ragazzi sulle conseguenza giuridiche, di non poco conto, che potranno subire ove segnalati alla Prefettura per l’uso personale. Il Consesso ha preso atto che l’età di primo consumo tende ad abbassarsi e che, a tal proposito, occorre implementare l’ azione di prevenzione anche nelle classi delle scuole medie, ove potrebbe riuscire più efficace l’azione di formazione, anche con il coinvolgimento dei genitori. In conclusione si è convenuto che, fermo restando l’intensificazione dell’azione di prevenzione di polizia all’esterno degli istituti di istruzione, che si avvarrà anche del concorso delle Polizie locali, occorre mettere in campo anche una sinergica azione di prevenzione fondata sulla formazione “sul campo” attraverso incontri mirati alla formazione di una cultura responsabile che consenta ai giovani di rifiutare il consumo di stupefacenti, con il coinvolgimento di personale sanitario che illustri sulle conseguenze dell’uso per la salute. In questa direzione il Dirigente dell’Ufficio scolastico sensibilizzerà i Dirigenti scolastici affinchè tutti gli operatori scolastici segnalino tempestivamente ogni fatto di rilievo rispetto alla problematica in argomento e perchè siano organizzati eventi di formazione dei giovani con la collaborazione degli enti locali, delle Forze di polizia e dei SERD territoriali che il Prefetto si è impegnato a coinvolgere. Il Consesso si aggiornerà in prosieguo per monitorare le azioni intraprese e gli interventi attuati".

“Formazione e tolleranza zero sono due aspetti fondamentali per combattere il fenomeno della diffusione della droga tra i giovani e nelle scuole. Condivido l’operazione scuole sicure avviata dal Viminale e l’iniziativa di oggi a Treviso per avviare un’azione di prevenzione fondata sulla formazione”. Lo sottolinea il Presidente della Regione Luca Zaia, intervenendo sul tema del preoccupante abbassamento dell’età di primo consumo della droga, rispetto al quale, oggi in Prefettura a Treviso, si è svolto un incontro fra operatori di Polizia, della scuola e della sanità per mettere in campo un’azione coordinata, composta da interventi di formazione mirata e dall’azione di prevenzione di Polizia all’esterno delle scuole, con il concorso delle Polizie locali. “E’ fondamentale – aggiunge Zaia – fare squadra da un lato per far capire ai ragazzi cosa rischiano, quanto rischiano e perché, dall’altro per dare la caccia con tolleranza zero agli spacciatori, sempre e ovunque”. “E’ una battaglia difficile, ma che si deve combattere e si può vincere – conclude il Governatore -  mano a mano che i ragazzi, conoscendo il pericolo a cui si espongono, si allontaneranno dalle tentazioni, e che l’azione delle Forze dell’Ordine renderà la vita sempre più difficile, speriamo impossibile, ai seminatori di morte”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento