Attualità Santa Maria del Rovere / Via Vittorio Locchi

Al via in via Locchi i lavori per la condotta e la fognatura

La durata dei lavori è di 45 giorni e durante il cantiere vi sarà la chiusura del traffico veicolare. In corso la realizzazione della rete fognaria per le acque nere nel quartiere di San Giuseppe e a Santa Maria Rovere

Parte il 7 gennaio, con i necessari rilievi sul sito, il cantiere per la sostituzione dell’attuale condotta idropotabile in via Locchi a Treviso. L’intervento, oltre alla rete di acquedotto, prevede il rifacimento dei nodi idraulici nonché di tutti gli allacciamenti che si affacciano sul tratto di strada interessata dai lavori. Si procederà anche all’installazione dei pozzetti di utenza per l’alloggiamento dei contatori al limite della proprietà private. Contestualmente alla sostituzione della condotta idropotabile, con l’obiettivo di limitare il più possibile i disagi alla viabilità legati alla presenza del cantiere e di dare impulso agli allacciamenti alla rete fognaria comunale in città, si prevede anche la posa di una nuova tubazione di fognatura nera, con pozzetti di utenza a servizio dei fabbricati esistenti.

La durata dei lavori è di 45 giorni e durante il cantiere vi sarà la chiusura del traffico veicolare. L'intervento aggiunge un altro tassello alla progressiva estensione della rete fognaria nel capoluogo, fortemente voluta da Ats. L’anno appena trascorso ha visto la realizzazione di una nuova fognatura nera in via Cavini. Inoltre, sono in corso i lavori per la realizzazione della rete fognaria per le acque nere lungo la Strada Noalese che servirà il quartiere di San Giuseppe e quelli a Santa Maria Rovere, in collaborazione con l’amministrazione comunale. Il piano quadriennale degli interventi 2020-2023 prevede un’estensione della rete fognaria nel capoluogo di quasi 15 chilometri di condutture.

Proseguono, inoltre, gli interventi per la riparazione delle falle di rete individuate nel corso del progetto di ricerca perdite avviato ad agosto nel capoluogo. Sono 80 i chilometri di rete scandagliati nei quartieri di Santa Maria del Rovere, Sant’Angelo, San Zeno, Selvana, San Lazzaro e nel centro storico (compreso il Put). Al 23 dicembre 2020 sono state riscontrate 67 perdite e 45 sono già state riparate, concordando gli interventi con la Polizia locale per la migliore gestione del traffico.

«L’attenzione di Ats al miglioramento dell’efficienza della rete acquedottistica e fognaria in città è massima -dice l’amministratore delegato di Ats, Pierpaolo Florian- Per quanto riguarda il progetto di ricerca perdite, è intenzione di Ats estendere la campagna in città, così come negli altri comuni del servizio idrico integrato. Limitare le falle di rete è un dovere civico che la nostra azienda ha intenzione di perseguire con il massimo impegno».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via in via Locchi i lavori per la condotta e la fognatura

TrevisoToday è in caricamento