menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treviso Sotterranea: direttivo rinnovato, il nuovo presidente è Simone Piaser

Confermati quattro dei cinque membri del team uscente. Cambia il presidente che ha però dichiarato di voler proseguire sulla strada già intrapresa dai suoi predecessori

Lo scorso lunedì 25 marzo, presso gli spazi della Fondazione Benetton, si è svolta l’assemblea generale dell’associazione Treviso Sotterranea, che aveva anche all'ordine del giorno il rinnovo delle cariche sociali in scadenza dopo il terzo anno di mandato.

Il direttivo uscente ha ricordato il lungo lavoro svolto dall'associazione fino ad oggi e le numerose attività portate avanti, che vanno dalla sensibilizzazione della cittadinanza nei confronti degli aspetti più significativi delle mura cinquecentesche, alla didattica, allo studio e alla ricerca delle strutture sotterranee della città e della Marca trevigiana. L’adesione di migliaia di soci alle attività proposte, la richiesta di tante scuole di conoscere meglio il patrimonio delle mura e il significativo numero di persone che continua a seguire gli studi e le nuove scoperte, dimostra come il lavoro sia stato apprezzato dalla cittadinanza. Le votazioni del nuovo direttivo hanno premiato il lavoro svolto confermando quattro dei cinque membri del team uscente dimostrando la volontà di porsi in continuità con quanto l’associazione ha fatto fino ad ora. 

Come nuovo presidente è stato nominato Simone Piaser, architetto ed esperto conoscitore del sistema bastionato di Treviso, il quale ha curato diverse pubblicazioni e tenuto molte conferenze sul tema. Il vicepresidente è Massimiliano Zago, speleologo, esperto di cavità artificiali, membro della Commissione Nazionale delle Cavità Artificiali e curatore del Catasto delle Cavità Artificiali della regione Veneto per la Società Speleologica Italiana. Il ruolo di segretario viene mantenuto da Sara Paris, archeologa e responsabile dell’area didattica dell’associazione. Viene confermato nel direttivo anche Sandro Meneghel, speleologo ed esperto esploratore delle cavità ipogee urbane. Come nuovo membro del direttivo è stata nominata Angela Sbarra, neo laureata in Storia delle Arti e conservazione dei beni artistici. Il presidente Simone Piaser, conclusa l’elezione, ha ringraziato l’assemblea per la fiducia accordatagli e, dopo aver ringraziato il presidente uscente Roberto Stocco per il lavoro svolto, ha dichiarato l’intenzione di attuare una politica associativa in continuità con quanto realizzato fino ad ora. Saranno perciò le attività finalizzate all'apertura di nuove aree ai visitatori, come il sottotetto di porta San Tomaso e la casamatta sotterranea di porta Santi Quaranta. In particolare, il nuovo presidente ha rilevato l’importanza del lavoro di sensibilizzazione che ha portato molti trevigiani a conoscere un patrimonio finora poco conosciuto, sottolineando che questa attività, svolta soprattutto con i più giovani, rappresenta un seme che, crescendo e venendo alimentato, creerà dei cittadini consapevoli della propria eredità storica e culturale. Infatti, solamente con la conoscenza potrà nascere la consapevolezza del valore effettivo del nostro patrimonio storico, da preservare e tutelare, al fine di poter essere degnamente trasmesso alle generazioni future. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Monastier, nuova tecnica 3D per gli interventi a spalla e ginocchio

  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento