menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Treviso

Il tribunale di Treviso

DL liquidità, stop ai fallimenti fino a dicembre

L'annuncio del deputato trevigiano Raffaele Baratto (Forza Italia), membro della commissione finanze della camera dei deputati

Una battaglia parlamentare durata giorni quella che ha visto impegnato sul fronte del Dl liquidità anche il deputato trevigiano Raffaele Baratto, membro della commissione finanze della camera dei deputati e primo firmatario di un ordine del giorno approvato ieri che prevede la c.d. moratoria sui fallimenti estesa fino al 31 dicembre 2020. Baratto si era speso in commissione e in parlamento con la maggioranza affinchè la scadenza prevista all’art. 10 del decreto che aveva inizialmente previsto l’improcedibilità dei ricorsi per fallimento fino al 30 giugno 2020 fosse estesa al 31 dicembre e il suo ordine del giorno è stato infine approvato. 

«Si tratta di un passaggio fondamentale -spiega- il primo corollario di questa emergenza è la crisi di liquidità in cui è precipitato il sistema delle nostre imprese. Il tasso di insoluti è vertiginosamente aumentato creando un effetto a catena che rischia di trascinare nei tribunali decine di imprese che prima si trovavano a collaborare. Non possiamo permettere che si inneschi un pericoloso cortocircuito. Dobbiamo impedire che il nostro sistema economico, le nostre piccole e medie imprese dopo essere sopravvissute al COVID muoiano per mano dei tribunali in attesa della liquidità promessa dal Governo». E così ecco il provvedimento che di fatto dichiara improcedibili i ricorsi per fallimento fino alla data del 31 dicembre 2020, dando così ossigeno a molte imprese oggi strette nella morsa del c.d. liquidity crunch.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento