Suoni di Marca, sabato sul palco Punkreas e Bastards sons of Dioniso

Sul Palco Hotel Maggior Consiglio Ss. Quaranta, i Two Way Street presenteranno il repertorio di Crosby, Stills, Nash e Young riproponendo il sound, la cultura di Woodstock, della West Coast, di Los Angeles e di Laurel Canyon nei primi anni '70

TREVISO Chitarre abrasive, parole dure schiettezza, hardcore e sana ironia: tutto questo e molto di più sul palco principale di Suoni di Marca, sulle Mura di Treviso, con l’arrivo dei Punkreas sabato 28 luglio. La storica band milanese, capace di rinnovarsi ma senza troppo trasformarsi dopo trent’anni di attività, presenterà a Suoni di Marca il nuovo lavoro fresco di stampa “Inequilibrio”: l’EP, uscito a marzo del 2018, racconta solo la prima parte di un nuovo lungo viaggio della band di Parabiago, un viaggio che avrà come seconda tappa l’uscita di un secondo EP nei prossimi mesi del 2018. I Punkreas partono dalla provincia di Milano con la demo autoprodotta, "Isterico", e con la canzone "Il vicino" ottengono subito un gran successo.

Pochi anni dopo arriva il primo album, "United rumours of Punkreas", e subito si vedono impegnati in moltissimi live in tutta Italia. Il loro secondo album "Paranoia" e "Potere", del 1995, viene considerato uno degli album di riferimento per il punk italiano. I testi, di una creatività ricercata e fuori dal comune, il suono grezzo, i molti anni di gavetta e le varie esperienze sui palchi in tutta Italia, permettono ai Punkreas di consacrarsi come band punk più famosa in Italia. Originariamente il gruppo era formato da Cippa (voce), Flaco (chitarra), Paletta (basso), Noyse (chitarra) e Mastino (batteria). Nel corso della loro attività però Mastino viene sostituito da Gagno dal 2002 e nel 2014 Flaco lascia il gruppo e Andrea Botti detto Endriù, prende il suo posto. Prima dei Punkeas, sul main stage di Suoni di Marca (ore 20) ci saranno i Bastard Sons of Dioniso, gruppo trentino fondato nel 2003 da Jacopo, Michele e Federico. Sarà però il 2009 l’anno della loro svolta: conquistano, infatti, il secondo posto a X-Factor. Band rivelazione dell’anno 2009, nel 2011 durante il tour del loro quinto album “Per non fermarsi mai” suonano nei principali festival rock italiani come l’Heineken Jammin e di aprire i concerti di Ben Harper, Robert Plant e Green Day. Nel 2012 invece vengono premiati dall’A.F.I (Associazioni Fonici Italiani) per il Miglior Disco Rock Indipendente del 2011.

La loro musica prende spunto dal rock degli anni ’70, con venature hard di matrice zeppeliana e vocalizzi a tre voci che strizzano l'occhio ai Beatles ma anche a Crosby Stills Nash & Young. Nel dicembre 2017 esce il loro nuovo disco di inediti Cambogia, che vuole essere una metafora per la guerra che ognuno conduce verso sé stesso ma anche un omaggio al loro tecnico del suono da poco scomparso, Gianluca Vaccaro. E non è tutto, per la serata di sabato 28 luglio a Suoni di Marca: Sul Palco Hotel Maggior Consiglio Ss. Quaranta (ore 19), i Two Way Street presenteranno il repertorio di Crosby, Stills, Nash e Young riproponendo il sound, la cultura di Woodstock, della West Coast, di Los Angeles e di Laurel Canyon nei primi anni '70. Intrecci vocali, cavalcate elettriche e ballad acustiche sono la miscela per ricreare l'atmosfera di un periodo indimenticabile della storia del rock. Sul Caccianiga Stage (ore 19) ci sarà il collettivo Black Beat Movement, che costruisce il suo suono fondendo sonorità nu soul e hip hop con un approccio e un songwriting sperimentale. L'intensa attività live contraddistingue la formazione che ha avuto l’onore di condividere palchi con artisti di fama nazionale e internazionale.

Sul Palco Fra’ Giocondo  (ore 19,30), invece, Showcase di Cantieri Musicali, scuola di musica moderna di Montebelluna, che dal 2009 propone un lavoro mirato con i suoi Music Lab (Lab Blues, Lab Pop, Crea Musica, Lab Percussioni, Coro Pop & Produzione Musicale), convinti che la Musica in ogni sua manifestazione sia, tra le espressioni di cultura, una delle più complete, e che grazie ad essa il percorso umano e professionale di ogni persona si arricchisca di un elemento prezioso ed irrinunciabile. E infine, sul Caccianiga Stage (ore 23) Dj Set con Bim Bum Balaton, progetto nato a Bassano del Grappa nel 2010 “per far saltare il pubblico”. Il set miscela le sonorità' balcaniche tradizionali con: il balkan beat che ha sfondato in Europa; il reggae della migliore specie; il folk, la world music e l'electro più ricercata; e per finire il condimento, la tradizione italiana, viscere del sud e del nord più profondo. E tutto a ingresso rigorosamente libero, per il festival gratuito più lungo d’Italia, tra gli stand del percorso di sapori, gli artigiani, le associazioni locali, e l’incanto delle Mura rinascimentali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Travolto e ucciso da un treno, la morte di Marco Cestaro fu un suicidio

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento