Attualità

Tumore al seno, 43 modelle in passerella a Treviso

Sabato scorso "La forza torna in passerella" di donne dai 26 ai 73 anni che hanno dovuto affrontare il tumore al seno. Hanno fatto da modelle (anche in bikini...bellissime) a piazzale Burchiellati a Treviso per sensibilizzare le donne alla prevenzione

Un momento della sfilata

43 donne, dai 26 ai 73 anni, hanno sfilato sabato sera in Piazzale Burchiellati a Treviso mostrando tutta la loro femminilità e soprattutto forza. Ad accomunarle la malattia del tumore al seno che hanno affrontato, e qualcuna di loro sta ancora affrontando, tanto da sfilare in passerella con la parrucca e togliersela al momento dell'abbraccio emozionante con le amiche. È stata una festa quella che si è svolta nell'ambito della due giorni di Treviso in Rosa. La prima edizione si era svolta a Monastier, lo scorso anno, quando sulla passerella del Park Hotel Villa Fiorita avevano sfilato anche le Trifoglio Rosa di Mestre. Quest'anno le donne di Cafè Coraggio, Akea Rosa e Stella Polare, con il supporto della Lilt di Treviso, della Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier e di Un Giro in Piazza di Monastier hanno accettato l'invito del Comune di Treviso. Con l’aiuto delle energiche Michela Bardi, Doris Feltrin, Giuliana Menegaldo e dell'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Treviso Gloria Tessarolo la manifestazione è approdata in piazzale Burchiellati di fronte a quasi 450 persone che, rigorosamente munite di mascherina e distanziate, hanno applaudito le modelle speciali vestite e truccate da 20 tra commercianti e realtà del territorio.

(credit Giorgia Brisotto)Un momento della sfilata (1)-2

Essenziale è stato l’impegno delle tante volontarie della LILT che si sono prodigate per settimane per la buona riuscita della manifestazione. «E’ stato il frutto di un lavoro sinergico. Modelle che abbiamo visto prepararsi per settimane, anche nel piazzale della nostra nuova sede in Via Venzone "La Filanda LILT" – racconta Nelly Raisi Mantovani Vice Presidente della LILT di Treviso presente con Rita De Mattia. “Queste Donne speciali hanno sfilato trasmettendo emozione, energia, gioia e coraggio. Parte del ricavato andrà alla LILT per l’acquisto di attrezzatura per la palestra riabilitativa che servirà all’intera popolazione del territorio”.

«Un entusiasmo contagioso che queste donne, dopo Monastier, hanno voluto portare anche a Treviso per dimostrare che la malattia non toglie la propria femminilità ma anzi la rafforza – ha commentato Matteo Geretto Responsabile Sviluppo e Comunicazione della Casa di Cura “Giovanni XXIII” presente con l’amministratore delegato della struttura Gabriele Geretto ed Emanuela Calvani.

Carolyn Smith sul palco con Michela Bardi di Cafè Coraggio-2

A presentare la serata, per il secondo anno consecutivo, Alessandro Bevilacqua. «Una serata ricca di emozione che ci consente gradualmente di tornare alla normalità e riaffermare l'importanza dei temi sociali” ha detto in apertura l’assessore Gloria Tessarolo. Tra gli ospiti d'onore, oltre alla delegata del Prefetto di Treviso Paola De Palma e alla delegata della Provincia Emanuela Parchi, anche Carolyn Smith, di “Ballare con le stelle” anche lei una donna in rosa che ha affrontato la malattia. «È dal 2015 che sto combattendo contro il tumore. Sono andata in televisione anche per abbattere il tabù della “vergogna” di cui molte donne sono ancora vittima».

Presente,  anche il sindaco di Treviso Mario Conte che emozionato ha voluto ricordare anche Eugenio Zanon, capo tecnico radiologo del “Giovanni XXIII”, e Vittorio Zanini  recentemente scomparsi. «Avrebbero voluto essere qui con noi ma sono certo che ci stanno guardando da lassù» ha detto il primo cittadino.

Un momento in cui modella si toglie parrucca-2

«Un Giro in Piazza è un’associazione di promozione sociale ed essere in questo evento è essere al posto giusto! Promuovere la prevenzione, creare cultura dell'aver cura, sostenere chi sta percorrendo la malattia e imparare dalla forza ed il coraggio che stasera hanno riempito l'aria e fatto scendere qualche lacrima ci fa star bene! Ringraziamo tutti i volontari, tutti quelli che hanno dato una mano, hanno regalato tempo e messo idee! Ringraziamo la Treviso in Rosa che ci ha voluti vicini!  Tutto col gioco niente per gioco»: ha detto Giuliana Menegaldo di Un giro In piazza.

«Il tumore al seno- ha detto il dottor Paolo Burelli Direttore della Brest Unit della ULSS 2 presente all’evento- rappresenta in Veneto il 40% di tutti i tumori femminili. Ed è, nella donna, la prima causa di morte per ogni fascia di età - ha ribadito il Primario di Senologia della Giovanni XXIII Roberto Busolin. È anche vero che è il tipo di malattia più studiata e che beneficia maggiormente di quelli che sono i vantaggi di tecniche che migliorano costantemente sia nell'ambito diagnostico, sia nell'ambito chirurgico che in quello ricostruttivo»: ha concluso Busolin.

Gli organizzatori sul palco (foto finale)-2

(credit Giorgia Brisotto)

«Essenziale è fare prevenzione con la diagnosi precoce -  ha ribadito il dottor Bernardino Spaliviero radiologo senologo del Giovanni XXIII- Sottoporsi alla mammografia ogni anno dopo i 40 anni e se la mammella è densa è importante anche l’esame diagnostico con l’ecografia. Se le due indagini insieme evidenziano qualcosa che non va bene, bisogna decidere se fare un ulteriore step diagnostico come la risonanza magnetica o la mammografia con mezzo di contrasto, oppure fare un campionamento istologico sotto guida ecografica o radiologica mammografica o di risonanza magnetica, a seconda dei casi».

Molti i medici sabato sera in piazzale Burchiellati che di solito sono abituati ad incontrare le pazienti in una camera di ospedale. «Ho avuto il privilegio di andarle a salutare in camerino e mi hanno emozionata. Mi ha stupito il loro coraggio, la loro energia e soprattutto con quanta forza riescono e sono riuscite a superare il momento mettendosi anche in discussione”. Ha commentato la dottoressa Monica Baldessin chirurgo senologo della Casa di Cura di Monastier. “Iniziative come queste fanno bene all'umore delle donne che già hanno avuto questo problema. Ma anche per far capire a tutti che il problema esiste e che bisogna fare prevenzione ed educazione sanitaria»: ha concluso il dottor Pasquale Piazzola Chirurgo della Senologia del “Giovanni XXIII” presente al completo per supportare tutte le donne in passerella.

Continua, infine, la raccolta fondi a favore della Lilt per l’acquisto di attrezzature per la palestra riabilitativa della nuova sede Lilt in via Venzone. Il codice iban per eventuali donazioni alla Lilt Associazione Provinciale di Treviso Odv è il seguente:
IT27 R030 6909 6061 0000 0079 358. Causale: "Sosteniamo la LILT".

Modelle alla fine della sfilata-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore al seno, 43 modelle in passerella a Treviso

TrevisoToday è in caricamento