Venditori porta a porta scambiati per ladri: pensionato chiama la Regione

Nella frazione di Cavriè a San Biagio di Callalta due dipendenti di una nota azienda di surgelati sono stati presi per truffatori da un pensionato che ha subito dato l'allarme

Il Governatore Luca Zaia

«Buongiorno, siamo qui per proporle un servizio porta a porta di prodotti alimentari. Le consegne a domicilio sono raccomandate anche dalla Regione e dal Governatore Zaia. Ci lascia entrare?»

Con queste parole due venditori di surgelati sono stati presi per ladri nella frazione di Cavriè, a San Biagio di Callalta. I dipendenti della nota azienda di prodotti alimentari, avevano citofonato alla porta di un pensionato. L'anziano ha creduto che i due uomini volessero derubarlo usando la scusa delle raccomandazioni di Zaia sul non uscire di casa e ordinare a domicilio. In realtà non si trattava di una truffa ma di una vendita porta a porta in piena regola. Nel pomeriggio di giovedì 26 novembre la Regione aveva diramato una nota stampa in cui metteva in guardia i cittadini di San Biagio di Callalta sul fatto che il presidente del Veneto non stava promuovendo nessun tipo di prodotto o servizio. Si è trattato di un malinteso, come scoperto dagli agenti della polizia locale, intervenuti sul posto. L'anziano ha preso un abbaglio segnalando subito la presunta truffa alla Regione, non capendo però che i due stavano semplicemente facendo il loro lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento