rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

Da Treviso seimila melograni per sostenere la lotta al tumore al seno

Testimonial diventano le amministratrici locali, che hanno ricevuto in Municipio il cofanetto contenente il melograno del Centro di medicina, in collaborazione con la Lilt trevigiana

Un regalo fuori dal comune per far riflettere sull’importanza del tempo da dedicare alla prevenzione. Sono 6mila i cofanetti della campagna "Coltiva il tempo della prevenzione" contenenti altrettanti melograni destinati alle donne venete e consegnati loro direttamente a casa, in associazione, in azienda o anche negli ambulatori di Centro di medicina.

Nei giorni scorsi la consegna dei cofanetti con i melograni a tutte le amministratrici donna del Comune di Villorba è avvenuta di persona grazie ad una delegazione composta dalla Vicepresidente Lilt Treviso Nelly Raisi Mantovani e dalle rappresentanti del Gruppo centro di medicina, Laura Giannone (Direttore generale) e Ylenia Dal Bianco (Responsabile Comunicazione). Presente alla consegna l’assessore alle politiche sociali Francesco Soligo. Insieme ai melograni sono state consegnate anche le installazioni nastro rosa, simbolo della campagna, che il Comune di Villorba ha posizionato nei luoghi simbolo cittadini. L'iniziativa promossa e ideata da Centro di medicina, finalizzata a sensibilizzare le donne sull'importanza della diagnosi precoce nella lotta al tumore al seno, ha posto al centro un messaggio molto forte e provocatorio, protagonista anche del cortometraggio Coltiva il tempo della prevenzione (#ioprevengo).

«Prevenire significa agire, anticipare i tempi, prima che possa essere troppo tardi.  Il frutto del melograno è stato scelto infatti non soltanto per le sue proprietà salutari, ma anche perché insieme al cofanetto che abbiamo ideato ricorda la forma del seno femminile. Ogni scatola contiene un solo melograno – spiega l'amministratore delegato del gruppo Centro di medicina, Vincenzo Papes – Un messaggio forte, destinato a far riflettere sulle conseguenze del trascurare o posticipare a lungo uno screening senologico. L’esperienza ci insegna che la diagnosi precoce è l’arma vincente contro il tumore al seno, un messaggio condiviso con la Lilt che ha scelto di patrocinare la campagna facendola diventare patrimonio condiviso». Una neoplasia maligna su tre che colpisce le donne è un tumore al seno. Con un solo gesto di prevenzione ogni donna può dunque salvaguardare sé stessa e contemporaneamente anche chi più le è vicino. Un gesto che può diventare anche solidale. Nello specifico per la provincia di Treviso, le sedi di Centro di medicina Villorba e Conegliano, dove è presente il Servizio di senologia diagnostica con un Mammografo 3D con tomosintesi, devolveranno alla Associazione provinciali della Lilt Treviso parte del ricavato degli screening senologici del mese di ottobre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Treviso seimila melograni per sostenere la lotta al tumore al seno

TrevisoToday è in caricamento