Comunicare, valorizzare e promuovere la cultura e le tradizione dei territori

Iscrizioni aperte per due laboratori gratuiti dedicati agli operatori del settore turistico. L'appuntamento il 22 e 23 ottobre nella sede del Comune di San Michele al Tagliamento

Un incontro di formazione molto importante

Le nuove tecnologie stanno rivoluzionando il modo di vivere le esperienze turistiche e culturali dei visitatori: le imprese venete del turismo (operatori, hotel e ristoranti, tour operator, fornitori di servizi, ecc.) devono essere pronte ed avere a disposizione tutti gli strumenti e le capacità per valorizzare il patrimonio linguistico, culturale e naturale delle comunità friulane in Veneto anche attraverso le potenzialità del digitale. Proprio per questo VeGAL, ente di sviluppo che opera nell’ambito territoriale di 22 comuni della Venezia Orientale, mediante il progetto Primis “Viaggio multiculturale tra Italia e Slovenia attraverso il prisma delle minoranze”, organizza il laboratorio “Comunicare, valorizzare e promuovere la cultura e le tradizione dei territori”. Sviluppato su 2 giornate con laboratori completamente gratuiti, intende far conoscere l’immenso patrimonio che caratterizza l’identità culturale della friulanità in Veneto e, allo stesso tempo, fornire agli operatori gli strumenti necessari per valorizzare tale unicità come leva di promozione turistica anche attraverso l’utilizzo dei mezzi digitali, web e social.

L’appuntamento è per giovedì 22 e venerdì 23 ottobre 2020 nella sede municipale del Comune di San Michele al Tagliamento in piazza Libertà, 2. Durante i 2 laboratori verranno alternati attività frontali in aula e momenti di esplorazione sul campo con prove pratiche, durante la quale i partecipanti saranno chiamati a sviluppare un progetto di promozione del territorio con particolare attenzione agli elementi materiali e immateriali della friulanità che lo caratterizzano. Il laboratorio dal titolo “Conoscere, raccontare, promuovere: linguaggi e strumenti per la valorizzazione della friulanità in Veneto Orientale”, in programma giovedì 22 ottobre, dalle 9 alle 13, vedrà in aula Vincenzo Gobbo, archeologo professionista, esperto di friulanità e di toponomastica e curatore di numerose mostre e pubblicazioni, con l’intervento “La friulanità in Veneto Orientale: una storia di unicità e tradizione tra luoghi, arti e sapori”. A seguire, Miriam Bertoli, consulente di digital marketing dal 2000 con particolare attenzione alle piccole e medie imprese, illustrerà gli “Strumenti e strategie per raccontare e promuovere i territori” presentando alcune testimonianze e metodologie per sviluppare al meglio la promozione.

Il giorno seguente, venerdì 23 ottobre, dalle 9 alle 16, con il laboratorio “Dai racconti ai territori: strumenti di promozione di un itinerario turistico” entreranno nella parte più progettuale del percorso formativo: dalle 9 alle 11.30 sarà presentato il “Percorso alla scoperta dei luoghi della friulanità”, dalle 11.30 alle 13.30 Miriam Bertoli illustrerà metodologie e strumenti di content management attraverso i quali valorizzare il percorso turistico e infine, dalle 15 alle 16.30, la chiusura del progetto con approfondimenti e domande. Alla fine delle due giornate formative i partecipanti avranno a disposizione le competenze necessarie per la costruzione di un’esperienza turistica, creare una connessione diretta tra contenuti e visitatore e promuovere e valorizzare il patrimonio linguistico, culturale e naturale delle comunità del Friuli Venezia Giulia in Veneto.

La partecipazione al laboratorio è gratuita ma è necessaria la registrazione A QUESTO LINK entro e non oltre il 19 ottobre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento