rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità Castelfranco Veneto

Ufficio di prossimità: «La Giustizia “torna” a Castelfranco Veneto»

Il Comune della Marca è stato inserito nel progetto avviato dal Ministero della Giustizia volto a realizzare a livello nazionale una rete di uffici in grado di offrire un servizio più vicino ai cittadini

Castelfranco Veneto è entrato nella graduatoria regionale per l’attivazione degli Uffici di prossimità, il progetto avviato dal Ministero della Giustizia volto a realizzare a livello nazionale una rete di uffici in grado di offrire servizi omogenei in materia di giurisdizione.

La Regione Veneto nel corso degli ultimi anni aveva avviato molteplici iniziative volte alla razionalizzazione ed al miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia amministrativa degli uffici giudiziari del proprio territorio. La revisione delle circoscrizioni giudiziarie ha comportato la chiusura del tribunale di Bassano del Grappa (il Tribunale di Vicenza ne ha acquisito le competenze), e di tutte le sezioni distaccate dei tribunali ordinari, tra cui quella di Castelfranco, oltre alla soppressione di 27 uffici del giudice di pace. L’Ufficio di prossimità (UdP) rappresenta un punto di accesso facilitato sul territorio per offrire un servizio-giustizia più vicino al cittadino, con particolare attenzione alle “fasce deboli” e a coloro che vivono in contesti a forte criticità sociale o in contesti geograficamente disagiati. Sono la risposta del “welfare state” al cittadino in difficoltà, ed operano nell’ambito delle amministrazioni di sostegno, tutele (anche di minori) e curatele, il settore della giurisdizione più prossimo alle esigenze delle persone fragili. Offrono al cittadino servizi omogenei di orientamento e informazione in materia di volontaria giurisdizione, come ad esempio: nomina del tutore, del curatore o dell’amministratore di sostegno, affido minori, autorizzazione al trapianto di organi tra viventi, Trattamenti Sanitari Obbligatori - TSO, distribuzione modulistica, invio e deposito telematico di atti. Compito dell’Ufficio di prossimità sarà quello di garantire un servizio completo e integrato di orientamento e consulenza per la trasmissione degli atti che non richiedono l’ausilio di un legale quali ricorsi, istanze, allegati e rendiconti. L’apertura degli Uffici di prossimità ha anche lo scopo di decongestionare l’accesso ai Tribunali grazie alla collaborazione e al coinvolgimento degli Enti locali ed al supporto dei sistemi informatici, anche attraverso l’utilizzo del Processo civile telematico nelle sue forme più evolute.

Il sindaco Stefano Marcon commenta: «E’ una bellissima notizia perché l’attivazione di un Ufficio di prossimità a Castelfranco Veneto andrà a colmare quel vuoto che si era creato con la chiusura della sezione staccata, arrivando fisicamente più vicino ai cittadini. I cittadini dell’area Castellana avranno un punto di riferimento “sotto casa”, dove sbrigare tutte le pratiche che prima potevano avviare solo in tribunale e, contemporaneamente, potranno accedere a tutti i servizi collegati forniti dalle altre Istituzioni coinvolte nel progetto, ossia Regioni, Comuni e Uffici giudiziari. La Giustizia sarà più vicina ai cittadini ed i cittadini avranno un filo diretto con chi la amministra oltre che avere risposte più veloci alle loro domande». I prossimi step prevedono il completamento dell’istruttoria, la formazione degli operatori comunali individuati e la successiva attivazione dello Sportello secondo i tempi dettati dalla Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ufficio di prossimità: «La Giustizia “torna” a Castelfranco Veneto»

TrevisoToday è in caricamento