menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratta da Google immagini

Foto tratta da Google immagini

Vacanze dentro alle botti di legno: via libera dalla Regione

Importante decisione presa dalla giunta comunale del Veneto nelle scorse ore. Le botti in legno potranno essere utilizzate a tutti gli effetti come struttura ricettiva per turisti

TREVISO “Questo è l’ennesimo esempio, a cui nei prossimi mesi se ne aggiungeranno altri, di concretizzazione del nostro programma e della nostra volontà di puntare sul cosiddetto turismo esperienziale ed emozionale, confermando che il Veneto è la prima regione turistica d’Italia non solo dal punto di vista dei numeri, ma anche in termini di capacità innovativa e creatività”.

Con queste parole l’assessore regionale al turismo ha annunciato l’odierna approvazione da parte della Giunta regionale del provvedimento con il quale si stabiliscono i requisiti di classificazione delle “botti” intese come nuova tipologia di struttura ricettiva in ambiente naturale. “Se tra gli obiettivi del sistema turistico veneto c’è anche quello di distinguersi nel mercato, differenziando la propria offerta rispetto a quella dei concorrenti – prosegue l’assessore –, ritengo sia vincente concepire soluzioni di soggiorno che esaltino le caratteristiche del territorio, delle sue tradizioni, della vita e del lavoro di chi lo abita. Le botti proposte come alloggi originali e inconsueti, quindi, non possono che essere un ulteriore incentivo a conoscere e a esplorare soprattutto aree di grande pregio paesaggistico, ambientale e produttivo come quelle vocate all’enologia”. 

La possibilità di pernottare in accoglienti camere realizzate nelle grandi botti in legno delle aziende agricole, infatti, non potrà che arricchire ulteriormente l’offerta delle nostre “Strade del Vino”, come quelle delle colline del Prosecco, candidate a diventare patrimonio Unesco, della Valpolicella o dell’area del Soave, solo per citare alcune delle aree vitivinicole venete più rappresentative e conosciute anche a livello internazionale, che stanno registrando un crescente interesse turistico e un tutt’altro che trascurabile incremento di arrivi e presenze. “I nostri ospiti – sottolinea l’assessore – potranno così vivere un’esperienza unica ed emozionante. Questa sì definibile a pieno titolo una full immersion”. Le “botti” sono classificate in una sola categoria, esclusivamente sulla base dei servizi minimi offerti ai turisti, lasciando quindi alla libera iniziativa dei titolari l’individuazione delle dotazioni e attrezzature più adeguate al particolare tipo di struttura ricettiva. La loro apertura è consentita solo in immobili o parti di essi aventi destinazione d’uso turistico ricettiva, secondo quanto stabilito dal Comune territorialmente competente. La struttura ricettiva può essere costituita da una o più unità abitative, con una capacità ricettiva massima di otto posti letto; l’unità abitativa è costituita almeno da un locale adibito a stanza da letto e da un bagno privato. Il provvedimento, infine, per dare completa e unitaria disciplina a questa tipologia ricettiva, contiene disposizioni in materia di prescrizioni edilizie, urbanistiche,  paesaggistiche, igienico-sanitarie e di sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento