menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Zaia durante il punto stampa di mercoledì 10 febbraio

Luca Zaia durante il punto stampa di mercoledì 10 febbraio

Vaccini, Zaia: «Altre tre aziende ci hanno dato la loro disponibilità»

Mercoledì 10 febbraio il nuovo punto stampa del Governatore insieme al dottor Paolo Rosi che ha fatto il punto sulle terapie intensive: «Ogni 10 ricoveri uno finisce in Rianimazione»

«Domani, giovedì 11 febbraio, spero di darvi importanti novità sulla trattativa che stiamo portando avanti per comprare i vaccini anti-Covid in autonomia. Oggi tre nuove aziende ci hanno dato la loro disponibilità per produrre dosi destinate al Veneto. Inutile tenerlo nascosto: le proposte ci stanno arrivando. Vedremo che tipo di contratto sarà stipulato».

Inizia con queste parole, mercoledì 10 febbraio, il nuovo punto stampa sull'emergenza Covid in Veneto, tenuto dal Governatore Luca Zaia. «Sull'acquisto dei vaccini non ho ancora parlato con il Ministero. Se mai la trattativa si concretizzasse, le dosi arriverebbero non solo per il Veneto ma anche per Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. C'è un prezzo più basso se l'acquisto sarà di gruppo. Siamo disposti a percorrere ogni strada consentita dalla Legge, anche se qualcuno ci ha già accusato per esserci mossi in autonomia nell'acquisto. A tutto c'è un limite, come si fa a dire che comprare i vaccini è una colpa? Sono dichiarazioni dettate dall'odio e senza nessun fondamento - ha detto Zaia -. Se le carte non sono in regola non acquisteremo nemmeno una dose. A Treviso, intanto, 25 classi delle scuole superiori sono state messe in quarantena, la scorsa settimana erano 11. «Probabilmente - ha detto Zaia - si tratta di casi registrati pochi giorni prima dell'entrata in vigore del nuovo Piano di sanità pubblica che non prevede più l'isolamento della classe con un solo studente positivo».

Terapie intensive

Dopo il Governatore è intervenuto il dottor Paolo Rosi, coordinatore le terapie intensive degli ospedali regionali. «Oggi i ricoverati Covid positivi in Rianimazione sono 126 su 176 ricoveri totali. 140 i posti letto liberi e disponibili a livello regionale. In un anno 3430 pazienti sono finiti in terpaia intensiva, 2500 da luglio a oggi. La percentuale dei decessi sul totale dei ricoverati è del 39%, un terzo dei morti aveva meno di 70 anni. 13 giorni il tempo medio di permanenza in terapia intensiva ma qualche paziente supera addirittura il mese di degenza. Oggi in Veneto da 6 a 8 persone al giorno vengono ricoverate in terapia intensiva. Ogni 10 ricoveri, quindi, un paziente finisce in terapia intensiva - ha detto il dottor Rosi - Se la situazione non cambia, arriveremo ad avere a fine febbraio un centinaio di pazienti stabili ricoverati a livello regionale, non meno. L'importante è che i contagi non tornino ad aumentare».

Il bollettino di Azienda Zero

Nelle ultime 24 ore sono 828 i nuovi positivi trovati in Veneto su 3048 tamponi. Le persone positive ad oggi in Veneto sono 25.971. 1737 i ricoverati in Veneto di cui 170 in terapia intensiva (-11). 31 i decessi in più rispetto a ieri. Superati i 15mila dimessi in Veneto (15.045). Astrazeneca consegnerà in Veneto 23.900 dosi la prossima settimana e 58.900 dosi per l'ultima settimana di febbraio. Il richiamo dovrà essere fatto dopo tre mesi

Il video della diretta

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento