Attualità

Vaccini, Zaia: «Stiamo finendo Pfizer, da luglio forniture ridotte»

Lunedì 21 giugno il Governatore Zaia ha annunciato un taglio di 218mila vaccini Pfizer e 250mila dosi Moderna per il mese di luglio. Solo 8 nuovi positivi a livello regionale nelle ultime 24 ore. Dalla prossima settimana il punto stampa sarà interrotto

Luca Zaia e l'assessore Lanzarin

«Nuovo taglio delle forniture vaccinali in Veneto: le stime della Regione per il mese di luglio indicano un -25,60% per quanto riguarda Pfizer e addirittura -65,74% per i vaccini Moderna. Rispetto alla previsione del Governo di 855mila dosi Pfizer, arriveranno 218mila dosi in meno mentre, delle 379.017 dosi Moderna previste, ne arriveranno 129.857. Si tratta di una doccia fredda ma ricavare sette dosi dai flaconi Pfizer ci sta aiutando, dovremmo riuscire a non cancellare nessun appuntamento». Luca Zaia inizia con queste parole, lunedì 21 giugno, uno degli ultimi punti stampa sull'emergenza Covid in Veneto.

«Mercoledì 23 giugno ci sarà l'ultimo incontro stampa da Marghera. Dalla prossima settimana, salvo emergenze, le conferenze saranno interrotte. Poco più di 40mila le vaccinazioni nelle ultime 24 ore in Veneto, stanno però finendo le dosi Pfizer in magazzino, ce ne sono circa 60mila - ha continuato Zaia - I 60enni vaccinati e prenotati in Veneto hanno raggiunto l'82,4% i 50enni sono al 72,3%, mentre la fascia 40-49 anni è al 60,5%. I 30enni hanno raggiunto il 47,5% del totale. Non è vero che stiamo facendo meno tamponi, semplicemente siamo una delle regioni con meno positivi in Italia - ha detto Zaia rispondendo all'indagine condotta da Fondazione Gimbe che ha collocato il Veneto al terzultimo posto delle regioni italiane per numero di tamponi fatti - Spero che si possa togliere la mascherina da luglio perché con queste temperature sta diventando un problema. Se una persona sotto i 60 anni non vuole fare la vaccinazione "eterologa" ricevendo due dosi AstraZeneca potrà farlo con l'approvazione del medico incaricato dell'anamnesi. Diffidate da chi sostiene che l'emergenza è finita: i dati oggi sono assolutamente sotto controllo in Veneto ma ci stiamo già preparando per fronteggiare un ritorno del virus in autunno. Ad oggi la "Variante Delta" non ci sta dando nessun problema, il focolaio di Ormelle è stato isolato ed è sotto controllo, senza nuovi casi. Altro tema - conclude Zaia - è quello della riapertura delle discoteche così come delle sale ballo per i pensionati. Questo weekend ho ricevuto decine di foto di assembramenti con musica nelle piazze e nelle strade del litorale veneto. L'unico modo per evitare che episodi simili continuino a ripetersi è riaprire discoteche e sale da ballo».

Il bollettino di Azienda Zero

Nelle ultime 24 ore sono 8 i nuovi positivi trovati a livello regionale su 5mila tamponi fatti. 5.002 i casi attualmente positivi, 338 i ricoverati negli ospedali di cui 41 pazienti nelle terapie intensive. Nessun nuovo decesso nelle ultime 24 ore. 40.761 i vaccini somministrati nella giornata di ieri.

Il video della diretta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, Zaia: «Stiamo finendo Pfizer, da luglio forniture ridotte»

TrevisoToday è in caricamento