menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei progetti che sono circolati in rete

Uno dei progetti che sono circolati in rete

Riqualificazione di piazza Marconi a Valdobbiadene, ecco le controproposte

Il comitato spontaneo "Non uccidete la piazza di Valdobbiadene" attacca l'amministrazione comunale e chiede di abbandonare l'attuale progetto, contestatissimo da molti cittadini

E' battaglia sulla riqualificazione di Piazza Marconi a Valdobbiadene. «La commissione -spiega comitati spontaneo "Non uccidete la piazza di Valdobbiadene"- ha scelto un progetto che non incontra il favore di tanti Valdobbiadenesi, i quali, per altro, già avevano esposto dubbi e suggerito differenti soluzioni in passato».

I cittadini critici rispetto alle soluzioni che l'Amministrazione intende attuare hanno pubblicato al primo cittadino e alla Giunta di Valdobbiadene in cui elencano le loro controproposte: cambiare la pavimentazione eliminando le policromie che dividono lo spazio, lasciare intatta la pianezza della piazza e non alterare in alcun modo il piano campagna, eliminare la vasca a raso e individuare i canali di scorrimento delle acque sotterranee alla piazza, aprendo un varco che consenta di avere visione delle stesse e della mirabile opera sotterranea, eliminare i cipressi e le piante davanti alla fontana di Endimione lasciando solo i tigli oggi presenti. Inoltre si chiede di conservare la fontana oggi presente, invertire i sensi di marcia al fine di acconsentire il naturale percorso dalla chiesa al camposanto senza paralizzare la viabilità, emanare dei provvedimenti amministrativi che liberino i posti parcheggio nei pressi della piazza oggi costantemente occupati dai dipendenti degli uffici creando delle aree di sosta i parcheggi in piazza anche per carico scarico dalle corriere turistiche. Infine ripristinare la viabilità sulla piazza almeno come zona ZTL a favore dei residenti.

«L'amministrazione -scrive il comitato- deve abbandonare il progetto in corso  e avviare  una vasta, approfondita, meditata, analisi della situazione che innanzi tutto individui, scelga e  preveda il futuro socio, economico, culturale del paese e conseguentemente progetti le opportune soluzioni alla viabilità dotando la piazza di adeguati comodi parcheggi in funzione della concreta vivibilità della stessa. Per mettere mano alla Piazza servono  la prudenza e l’umiltà  che il sito impone, avendo sempre mente che la piazza deve essere un luogo vivo e vivibile».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento