Attualità

Perdono il sentiero, finiscono bloccati tra gli alberi abbattuti da Vaia

L'episodio in mattinata tra il Piz Zorlet e Forcella San Tomaso. Coppia di giovani trevigiani è stata aiutata dagli operatori del Soccorso Alpino a tornare sul sentiero e a raggiungere Forcella San Tomaso, da dove è rientrata in autonomia

Vallada Agordina

Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino della Val Biois e stato attivato per una coppia di escursionisti bloccata tra gli schianti di Vaia sopra un salto di roccia tra il Piz Zorlet e Forcella San Tomaso. I due, G.C., 31 anni, di Silea lui, e B.C., 25 anni, di Roncade, lei, erano partiti da Piaz, frazione di Vallada Agordina, per salire al Rifugio Sasso Bianco percorrendo l'Alta via dei pastori, ma lungo il tragitto avevano seguito una traccia sbagliata finendo bloccati tra le piante abbattute. I soccorritori hanno avviato la non facile ricerca, senza alcun punto di riferimento, finché, dopo un paio di ore, li hanno individuati e raggiunti. La coppia è quindi stata aiutata a tornare sul sentiero e a raggiungere Forcella San Tomaso da dove è rientrata in autonomia. 

Poco prima delle 13 la Centrale del 118 è stata allertata da una coppia di escursionisti, entrambi trentenni di Asti, impossibilitata a proseguire su un tratto attrezzato dell'Alta Via numero 5. I due, che non avevano con loro l'imbrago ed erano comunque sfiniti dalla lunga camminata, si trovavano sulle Meducce di Dentro, Marmarole, a 2.200 metri si altitudine. Individuati dall'equipaggio dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore sul sentiero numero 280, sono stati imbarcati dal tecnico di elisoccorso in hovering e trasportati a Pieve di Cadore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perdono il sentiero, finiscono bloccati tra gli alberi abbattuti da Vaia

TrevisoToday è in caricamento