Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Montebelluna

Ddl Zan, vandali alla chiesa di Santa Maria in Colle

I writers hanno di nuovo colpito la chiesa montebellunese con una scritta in rosso a vivo a difesa del Ddl Zan. L'assessore Borgia: "Spero che qualcuno si renda conto del clima d’odio che sta fomentando in una situazione già abbastanza infuocata"

"Questa foto vergognosa certifica l’ennesimo atto vandalico alla Chiesa di Santa Maria in Colle. Ho già avvisato l’Arma dei carabinieri e la polizia locale. Prendersela con la Chiesa non è solo da vigliacchi, ma è da stupidi e ignoranti. Per quanto riguarda il Fedez de noialtri, voglio essere chiarissimo: devi solo sperare che non ti becchiamo perché altrimenti ti prendo per un orecchio e ti faccio pulire con la lingua questa porcilaia. Detto questo spero che qualcuno si renda conto del clima d’odio che sta fomentando in una situazione già abbastanza infuocata. A buon intenditor poche parole". Parole, queste, dell'assessore comunale Claudio Borgia che in tal modo commenta l'ultimo episodio di scritte vandaliche che hanno colpito negli ultimi giorni la chiesa montebellunese.

Così invece Giovanni Mondin, ex Capogruppo degli alpini di Montebelluna: "Giusto per capirci. Venerdì notte della settimana scorsa hanno realizzato le scritte in nero (ce ne siamo accorti sabato mattina con la pulizia che hanno fatto gli alpini). Le scritte in rosso e il danneggiamento dei faretti presso il Monumento è dunque cosa fresca di ieri pomeriggio. Ribadisco che è una vergogna ed è ora di finire di dormire, o far finta di dormire, per non ammettere che esiste un problema".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ddl Zan, vandali alla chiesa di Santa Maria in Colle

TrevisoToday è in caricamento