Veneto Banca, una perizia stabilirà quanto valevano i titoli

I sostituti procuratori Massimo De Bortoli e Gabriella Cana hanno deciso di far eseguire una super consulenza sulla metodologia che ha portato alla determinazione del prezzo delle azioni di Veneto Banca e la stima del valore reale delle stesse

L?ex sede di Veneto Banca a Montebelluna

I sostituti procuratori Massimo De Bortoli e Gabriella Cana hanno deciso di far eseguire una super consulenza sulla metodologia che ha portato alla determinazione del valore delle azioni di Veneto Banca e stima del valore reale delle stesse.

I magistrati trevigiani che si occupano delle varie inchieste sul tracollo dell'ex popolare di Montebelluna compiono quindi un ulteriore passo nell'indagine che riguarda le truffe che sarebbero state consumate ai danni di migliaia di clienti. Della redazione della perizia è stato incaricato un team di esperti e le conclusioni sono attese entro metà novembre. L'ipotesi di partenza è che i vertici della banca «fornivano false rassicurazioni circa il valore e la solidità finanziaria dei titoli emessi, tacendo sul fatto che il valore dell'azione era ampiamente sopravvalutato almeno del 40%».

A essere indagati in questo troncone sono l'ex amministratore delegato e direttore generale Vincenzo Consoli, considerato la mente del raggiro milionario, e altri cinque manager: Mosè Fagiani, ex condirettore generale e responsabile dell'area commerciale, Renato Merlo, ex responsabile della Direzione Centrale Pianificazione - Controllo, Stefano Bertolo,ex responsabile della Direzione Centrale Amministrazione e dopo il 2014 Dirigente Preposto alla redazione dei libri contabili societari, Massimo Lembo, ex responsabile della Direzione Centrale Compliance e Cataldo Piccarreta, l'ex direttore dell'Area Mercato Italia.

Secondo i pm di Treviso Consoli e gli altri presentavano «pianificazioni aziendali non disciplinate da alcuna regolamentazione interna e completamente accentrate nelle strutture di vertice, assieme a dati di bilancio e previsionali non aderenti alla realtà, eccessivamente ottimistici, irragionevoli e inattendibili, costringendoli a mantenere elevato il prezzo unitario delle azioni. Il tutto dopo l'ispezione della Banca d'Italia che, il 6 novembre 2013, aveva esplicitamente evidenziato che il valore dell'azione era incoerente con la situazione finanziaria della società e con il contesto economico».

Il valore delle azioni veniva infatti determinato dall'assemblea dei soci di Veneto Banca in sede di approvazione del bilancio, su proposta del Consiglio di Amministrazione e sentito il parere del collegio sindacale. Così veniva stabilito annualmente anche il sovrapprezzo che doveva essere versato in aggiunta al valore nominale per ciascuna azione, determinando il valore complessivo dei titoli. Il prezzo delle azioni, fissato nel 2004 a 21,25 euro, è passato nel 2005 a 25 euro e nel 2008 a 35,5 euro. Nel giugno 2010 il prezzo delle azioni è arrivato a 38,25 euro; a settembre 2011 a 40,25 euro. Nel 2013 le azioni Veneto Banca, dopo una crescita esponenziale nel decennio precedente, raggiungono il loro apice: 40,75 euro, a fronte dei 21,25 di nove anni prima. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora la perizia dovrà mettere ordine, indicando quali procedure siano state seguite per arrivare ad un prezzo finale di 40,75 euro e quale fosse in realtà il reale valore, chiamando in causa anche il lavoro dei certificatori della PricewaterhouseCoopers, che i sostituti trevigiani definiscono come carente tanto da permettere ai vertici di Veneto Banca di approfittare "dell'insufficiente attività di controllo svolta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento