Sciopero dei metalmeccanici in Veneto, domani due ore di astensione a fine turno

Inoltre, le RSU e gli RSL delle aziende metalmeccaniche del Veneto si sono dati appuntamento per un presidio a Venezia, a Palazzo Balbi, in occasione dell’incontro previsto il 22 maggio

TREVISO Il gravissimo incidente accaduto domenica alle Acciaierie Venete di Padova nel quale sono rimasti coinvolti quattro lavoratori, e neppure a 24 ore di distanza quello in cui ha perso la vita un operario croato in forze in una ditta trevigiana a La Spezia, ripropongono con drammaticità il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro. Tema sul quale i metalmeccanici trevigiani, supportati dalle segreterie confederali, si sono recentemente mobilitati con forme di protesta e nelle sedi istituzionali.

Per protestare contro gli incidenti sul lavoro, per sostenere le proposte sulla salute e sulla sicurezza avanzate dall’assemblea degli RLS del Veneto, FIOM FIM UILM regionali hanno proclamano 2 ore di sciopero generale di tutta la categoria per venerdì 18 maggio, al quale le strutture provinciali dei metalmeccanici trevigiani hanno aderito. L’astensione avverrà per tutti i lavoratori a fine turno. “Una protesta che andrà avanti fintanto che questa ecatombe non cesserà - affermano i segretari generali Enrico Botter (Fiom Cgil), Antonio Bianchin (Fim Cisl) e Stefano Bragagnolo (Uilm Uil) -. Per contrastare questa grave situazione serve un maggiore rigore nell’applicazione di quanto previsto dalla legge e dai contratti, serve rafforzare i controlli e la prevenzione da parte degli organi di vigilanza e dello SPISAL, serve rilanciare gli investimenti da parte delle aziende su formazione, salute e sicurezza, e sulla qualità degli impianti produttivi e dell’organizzazione del lavoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, le RSU e gli RSL delle aziende metalmeccaniche del Veneto si sono dati appuntamento per un presidio a Venezia, a Palazzo Balbi, in occasione dell’incontro previsto il 22 maggio, alle ore 8.30, con l’assessorato al Lavoro e alla Sanita del Veneto e con lo SPISAL regionale sui temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento